3D in mostra alla Centrale Montemartini

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Roma, 7 novembre 2012

Centrale Montemartini

Si è inaugurata ieri a Roma nella ex Centrale Termoelettrica Giovanni Montemartini, suggestivo polo espositivo dei Musei Capitolini, la mostra "3D. Dimensione. Distorsione. De Kerckhove". La realizzazione dell'esposizione è stata curata dagli studenti della seconda edizione del Master MaRAC (Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali), uno dei Master Universitari compreso nell'offerta didattica dell'Università IULM.

L'intento dell'esposizione è quello di far riflettere il visitatore sulla terza dimensione (ma non solo), già in voga nelle pellicole cinematografiche degli anni '50 e tornata oggi di moda grazie alle nuove tecniche digitali nel campo della produzione cine-tv, come ha rimarcato il professor De Kerckhove durante la presentazione della mostra. Oltre al noto massmediologo, allievo di McLuhan, sono intervenuti il professore Alberto Abruzzese, docente di sociologia e responsabile scientifico del master, il rettore della IULM Giovanni Puglisi che ha lodato l'impegno degli studenti nell'organizzazione e nella realizzazione del progetto e il dottor Alessandro Masi, segretario generale della società Dante Alighieri e docente di arte contemporanea dell'Università telematica UTIU Uninettuno.

La terza dimensione, comune denominatore dell'esposizione, rappresenta il punto di arrivo di un percorso che si snoda lungo tre sezioni tematiche (Dimensione, Distorsione, De Kerckhove) che intende indagare alcune modalità percettive della realtà in cui siamo immersi, concretizzandosi con l'esposizione di circa 14 ritratti fotografici, eseguiti dal professor De Kerckhove, di personalità incontrate nel corso della sua carriera: filosofi, artisti e teorici legati alla comunicazione visiva.

Derrick De Kerckhove

La mostra promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico-Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, dalla Fondazione Roma e Università IULM e da Zètema Progetto Cultura, sarà aperta al pubblico dal 7 all'11 novembre e potrà essere visitata durante i normali orari del Museo.

Fonti[modifica]


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.


Collegamenti esterni[modifica]