Serie A 2012-2013: successi per Fiorentina e Roma

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

martedì 20 novembre 2012

Tra il 17 e il 19 novembre si è giocata la tredicesima giornata della Serie A.

Gli anticipi sono stati i big match tra Juventus e Lazio e quello tra Napoli e Milan.

Juventus-Lazio si conclude sullo 0-0. Marchetti viene più volte impegnato: all'inizio riesce a saltare Giovinco davanti alla propria porta, poi inizia l'assedio dei padroni di casa con Asamoah e Giovinco che tentano alcuni tiri verso la porta difesa dal biancoceleste. Nel secondo tempo Marchetti viene più volte impegnato dall'attacco bianconero (il più pericoloso è Bonucci che colpisce una traversa) ma la sfida si conclude a reti bianche.

Napoli-Milan 2-2: al 4' Inler, servito da Hamšík, tira da fuori area e beffa Abbiati firmando il vantaggio dei padroni di casa. Al 30' Insigne realizza il 2-0 (tiro sporcato da Acerbi) e, grazie ad un passaggio sbagliato di Constant, riesce a portarsi solo contro Abbiati ma il suo passaggio per Cavani è intercettato da Mexès. Al 44' El Shaarawy, servito da De Sciglio, sigla il 2-1. Successivamente Bojan e Hamšík sprecano diverse occassioni. Bojan esce per Robinho a dieci minuti dalla fine e all'83' Robinho serve El Shaarawy che batte De Sanctis per la seconda volta realizzando il definitivo 2-2.

Siena-Pescara 1-0: al 31' Valiani, servito con un pallonetto da Vergassola, incrocia il tiro sul secondo palo e mette a segno l'1-0. Al 45' Vukušić si procura e batte un calcio di rigore ma Pegolo respinge. Nel finale il Pescara rimane in nove per le espulsioni di Capuano all'86' (doppia ammonizione) e di Zanon al 91' (fallo da ultimo uomo).

Inter-Cagliari 2-2: al 10' Palacio colpisce di testa su cross di Cassano portando in vantaggio i nerazzurri. Al 43' Sau realizza l'1-1 su cross di Cossu. Al 66' Sau salta Handanovič e due difensori nell'area piccola e sigla l'1-2. Nel finale un'autorete di Astori pareggia il risultato (2-2) e Stramaccioni, allenatore dell'Inter, viene espulso.

Catania-Chievo 2-1: Almirón realizza il vantaggio al 51' e raddoppia all'85'. Al 91' Andreolli firma il 2-1.

Bologna-Palermo 3-0: al 22' Gilardino si gira e realizza l'1-0 per i padroni di casa. Al 44' Gabbiadini realizza il 2-0 su rigore. Al 46' Ujkani si fa espellere e Diamanti batte Benussi dagli undici metri. Al 72' l'arbitro Valeri espelle Barreto (Palermo) per doppia ammonizione. Al 78' espelle (ingiustamente) Taider che arriva prima sul pallone poi sull'avversario (nuovamente per doppia ammonizione) e all'82' il neo entrato Labrin (che non riesce ad arrivare a 20' giocati). La partita finisce 3-0, 8 cartellini gialli e 4 cartellini rossi estratti, in 10 contro 8 uomini.

La Fiorentina batte 4-1 l'Atalanta: Rodríguez al 5' porta in vantaggio i viola. Al 32', su un'azione confusa, Bonaventura pareggia il punteggio. Aquilani al 42' realizza il 2-1 su calcio di punizione e sugli sviluppi di un calcio d'angolo mette a segno il 3-1 al 47' del primo tempo. Al 49' Toni sigla il 4-1.

Udinese-Parma 2-2: al 9' Di Natale aggancia la sfera dal limite e s'inventa un pallonetto che scavalca Mirante e si insacca alle sue spalle. Al 46' Marchionni pareggia ma subito dopo Pereyra sigla il 2-1 (al 50'). All'89' Palladino scavalca Brkić con un lob e realizza il 2-2 finale.

Nel posticipo di domenica va in scena il Derby della Lanterna: al 16' Poli porta in vantaggio i blucerchiati. Al 36' un'autorete di Bovo porta la Sampdoria sul 2-0. Immobile realizza il 2-1 al 73' ma Icardi chiude l'incontro sul 3-1 nel finale.

Nel posticipo di lunedì si gioca Roma-Torino: Osvaldo beffa Gillet su calcio di rigore al 71' e Pjanić sigla il 2-0 nel finale.

La Juventus guida la classifica con 32 punti vantando 4 lunghezze di vantaggio sull'Inter. Dietro inseguono Fiorentina, Napoli (27), Lazio (23) e Roma (20). Milan a quota 15. Pescara (11), Siena (10) e Genoa (9) in zona retrocessione.

El Shaarawy è in testa alla classifica marcatori con 10 reti.

Fonti[modifica]