Successi per Juventus, Roma e Milan. L'Inter batte il Napoli

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

martedì 11 dicembre 2012

Tra l'8 e il 10 dicembre si è giocata la sedicesima giornata della Serie A.

Atalanta-Parma 2-1: Denis apre le marcature per i padroni di casa al 4'. Al 2-0 di Peluso al 39', replica Amauri per il Parma sul finire del secondo tempo.

Roma-Fiorentina 4-2: Castan porta avanti i giallorossi al 7'. Al 14' Roncaglia sigla il gol del pareggio. Il pari non dura 5' e Totti ristabilisce il vantaggio dei padroni di casa. Ancora Totti, nei minuti di recupero del primo tempo, realizza la rete del 3-1. Nel secondo tempo il neo entrato El Hamdaoui accorcia le distanze (3-2) ma la Roma riesce a chiudere l'incontro nel finale con la quarta rete messa a segno da Osvaldo (entrato nella ripresa al posto di Destro). Totti sale a 221 reti, 4 in meno rispetto a Gunnar Nordahl (secondo nella classifica dei marcatori della Serie A), e 53 in meno rispetto a Silvio Piola.

Cagliari-Chievo 0-2: gli ospiti vincono nella ripresa con le reti di Paloschi e Théréau.

Palermo-Juventus 0-1: Lichtsteiner sigla la rete decisiva al 50'. Al 75' viene espulso Morganella nel Palermo.

Pescara-Genoa 2-0: i padroni di casa ottengono i tre punti nella seconda frazione di gioco con i gol di Abbruscato e Vukušić (primo gol in Italia e in A per lui), entrambi su assist di Weiss.

Il Catania vince 3-1 a Siena: il vantaggio iniziale di Rosina e rimontato da 3 reti (prima Castro, poi una doppietta di Bergessio) arrivate nel secondo tempo.

Torino-Milan 2-4: i granata vanno in vantaggio con Santana (decisivo l'errore di Nocerino che cercava un retropassaggio) ma gli ospiti pareggiano con Robinho e nella seconda metà di gioco dilagano con le reti di Nocerino, Pazzini ed El Shaarawy (complice Gillet che si fa sfuggire la palla dalle mani). A 10' dalla fine Bianchi firma il 2-4 finale con un colpo di testa.

Il match clou Inter-Napoli si conclude sul 2-1: l'Inter trova il vantaggio su schema da calcio d'angolo finalizzato da Guarin all'8'. Al 39' Milito, servito da Guarin, riesce a difendere palla e a tirare realizzando il 2-0 parziale. Nel secondo tempo il Napoli accorcia le distanza con Cavani al 54' ma l'incontro non regala altre reti. Con questa vittoria l'Inter scavalca il Napoli in classifica.

Nei posticipi l'Udinese batte la Sampdoria a Genova (0-2) con le reti di Danilo e di Di Natale nel primo tempo (Pozzi, entrato nella ripresa, fallisce un rigore al 64'). La Lazio, priva di Klose per circa 80', pareggia a reti bianche a Bologna. Nel finale espulso Kozák nelle file laziali.

La Juventus guida la classifica con 38 punti vantando 4 lunghezze di vantaggio sul Inter. Dietro inseguono Napoli (33), Lazio (30), Roma, Fiorentina (29) e Milan (24). Pescara (14), Genoa (12) e Siena (11) in zona retrocessione.

El Shaarawy è in testa alla classifica marcatori con 13 reti.

Fonti[modifica]