USA: la Corte Suprema dichiara incostituzionale il bando delle armi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

giovedì 26 giugno 2008

L'edificio della Corte Suprema degli USA

La Corte Suprema degli Stati Uniti d'America ha decretato oggi, con una sentenza 5 a 4 (i giudici sono in totale 9) che il bando sul possesso delle armi da fuoco ad uso personale imposto nella città di Washington D.C. è incostituzionale.

Nell'opinione di maggioranza, redatta dal giudice Antonin Scalia, si legge che «il Secondo Emendamento protegge la libertà individuale di possedere un'arma da fuoco, non connessa con la prestazione del servizio militare, e di usare quest'arma per scopi tradizionalmente legali, come la legittima difesa personale all'interno della propria abitazione».

Il giudice John Paul Stevens ha espresso un'opinione di dissenso, riconoscendo il diritto individuale di essere protetti dal secondo emendamento, ma esprimendo disaccordo circa la "portata" di tale emendamento; il giudice chiede infatti se «la domanda di questo processo è l'effettivo riconoscimento (grazie all'emendamento, n.d.r.) al legittimo utilizzo delle armi da fuoco per usi non militari come la caccia o la legittima difesa personale».

Il caso, District of Columbia vs Heller, derivava da una causa promossa dal funzionario di polizia Dick Heller contro il governo cittadino della capitale statunitense, che aveva rifiutato a questi di tenere una pistola in casa per la difesa personale. Il Distretto di Columbia aveva giustificato la sentenza di rifiuto dicendo di aver applicato il Firearms Control Regulations Act del 1975.

La decisione della Corte Suprema conferma così una decisione del 2007 della Corte Federale del Distretto di Columbia di annullare la sentenza per motivi costituzionali.

Il sindaco di Washington D.C. Adrian Fenty ha espresso disappunto sull'esito della sentenza, ma ha dichiarato che ordinerà al dipartimento di polizia della capitale di offrire ai cittadini i mezzi per poter registrare le pistole nell'arco di 21 giorni. «È importante rispettare l'autorità della corte e agire rapidamente», ha affermato Fenty.

Fonti[modifica]

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di US Supreme Court rules DC gun ban unconstitutional, pubblicato su Wikinews in lingua inglese.