Calcio, Palermo: la classifica è salva, trovati i soldi per pagare gli stipendi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Palermo, lunedì 18 febbraio 2019

Nella giornata di ieri, alle 23:59, è stato trovato un accorto con la società Damir Srl al fine di pagare gli stipendi e salvare la classifica del Palermo, che questo sabato ha pareggiato in casa per 1-1 nello scontro diretto contro il Brescia mantenendo il secondo posto in classifica, che allo stato vale la promozione diretta in Serie A.

Il nuovo presidente Rino Foschi, insediatosi formalmente da appena quattro giorni, nelle ultime ore aveva portato avanti una trattativa con l'imprenditore Dario Mirri, proprietario della società Damir Srl specializzata nel settore pubblicitario. Alle 23:59 l'annuncio della conclusione della trattativa con esito positivo:[1] in questo modo, grazie a un'iniezione di liquidità di 2,8 milioni di euro, sarà possibile pagare gli stipendi ai tesserati in extremis ed evitare penalizzazioni nella classifica attuale del campionato,[2] non pregiudicando il prosieguo della stagione e lasciando la parola solamente al campo.

Questo accordo è stato trovato al terzo tentativo: nelle prime due trattative, sempre recentissime, la società di Mirri aveva pubblicato comunicati stampa che sottolineavano come il Palermo avesse rifiutato le offerte.[3]

Note[modifica]

  1. «Comunicato della Società», palermocalcio.it. URL consultato in data 18 febbraio 2019.
  2. «Palermo: l’imprenditore Mirri ha firmato. Gli stipendi saranno pagati, scongiurato rischio penalizzazione», mediagol.it. URL consultato in data 18 febbraio 2019.
  3. «Home - News - Serie B - Palermo, ore 23 “Mirri? Ancora non abbiamo chiuso niente”. Però…», stadionews.it. URL consultato in data 18 febbraio 2019.

Notizie correlate[modifica]

Calcio, Palermo: la presidenza torna italiana