Endemol farà i cartoni del fumetto arabico "The 99"

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 29 novembre 2008

La Endemol, nota società di produzioni televisive attualmente guidata dall'israeliano Ynon Kreiz, di anni 43, sta allargando la sua strategia d'impresa; finora buona parte degli introiti era dovuta a programmi come il Grande Fratello. Adesso l'azienda punta all'intrattenimento di origini arabe, e lo fa tramite l'acquisto dei diritti del fumetto The 99, per produrre una serie televisiva a cartoni animati con episodi di circa mezz'ora.

The 99 è edito dalla kuwaitiana Teshkeel Media, condotta da Naif Al Mutawa; si tratta di un fumetto di tipo supereroico, con grafica e colorazione simililari a quelle dei comics statunitensi, come ad esempio Marvel e DC, ma si caratterizza per l'attenzione al rispetto dei valori tradizionali musulmani. Teshkeel Media non è al momento una realtà particolarmente significativa: l'anno passato ha effettuato un aumento di capitale di ventitré milioni di dollari, ma la speranza è quella di riuscire, grazie alla Endemol, a far conoscere il proprio prodotto e magari diversificare l'offerta, con lungometraggi cinematografici e commercializzazione di videogiochi e giocattoli.

Parimenti per Endemol non si tratta di un impegno particolarmente oneroso, che pare essere inferiore ai cinquanta milioni di euro (poca cosa per chi di euro ne fattura un miliardo e passa), ma ha sopratutto un valore strategico: nell'area araba è ancora possibile creare un'impresa televisiva dal nulla. Questo perché la maggior parte della programmazione proposta dalle emittenti televisive è composta da programmi occidentali doppiati, spesso osteggiati da parte dei fanatici religiosi locali.

La prossima mossa della Endemol sarà sicuramente un'acquisizione della britannica ITV. I programmi TV per bambini sono un grosso affare, che interessa molti oltre alla Endemol: non è infatti da molto che la De Agostini ha lanciato DeA Kids, inserendosi nel frattempo nel capitale di Giochi Preziosi, importantissimo inserzionista televisivo.


Fonti[modifica]