Giochi olimpici 2016: si chiude il capitolo tuffi con quelli da piattaforma 10 m maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 21 agosto 2016

Il Centro Aquático Maria Lenk, dove hanno gareggiato i tuffatori di questi Giochi

La Cina chiude i tuffi da piattaforma 10 metri maschile riprendendosi un oro perso due olimpiadi fa grazie ai ben 585,30 punti quadagnati da Chen Aisen. Arriva all'argento con 532,70 punti il messicano Germán Sanchez e al bronzo lo statunitense David Boudia con 525,25 punti.

Eccellente la prestazione tuffatoria di Chen Aisen, che distanzia di 50,6 punti il secondo classificato; una serie di tuffi con punteggi impressionanti se si considera che semifinale e finale sono state svolte nel medesimo giorno ed in un centro all'aperto. La sequenza di punteggi nei sei tuffi che è valsa il meritato oro ad Aisen è: 96,90 - 78,75 - 102,60 - 93,60 - 105,45 - 108,00. L'ultimo è il miglior tuffo in assoluto a questi Giochi.

Delude invece la quinta posizione del connazionale Qiu Bo, già medagliato argento ai Giochi olimpici di Londra 2012, perché, nonostante due ottimi tuffi da +100, la sua media è stata rovinata da due tuffi valutati circa 47 punti.

David Boudia, oro a Londra 2012, riesce a salvarsi eseguendo un tuffo da 102,60 punti che lo porta a compensare il successivo, ed ultimo, di solo 68,45.

Il britannico Tom Daley, dopo dei preliminari da paura anche per i cinesi, esce già in semifinale, non riuscendo a difendere il bronzo di Londra 2012.


Olympic rings without rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[modifica]