Incendi California: bilancio sale a 50 morti, distrutte migliaia di case

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 14 novembre 2018

Foto dell'incendio presa da un satellite Landsat
Neil Young

Continuano a martoriare la California gli incendi, mentre aumenta nelle persone la paura di inquinamento chimico o nucleare, a causa di un ex sito nucleare sulle colline a nord ovest di Los Angeles, il Santa Susana Field Laboratory, usato in passato per i test ai motori dei razzi e per la ricerca nucleare. Le autorità locali, comunque, hanno rassicurato gli abitanti, non avendo riscontrato livelli di radiazioni sopra la norma dovuti alla vicinanza delle fiamme.

Al momento si contano 48 morti nel nord della California, e due nella contea di Los Angeles. Ci sono più di 50000 evacuati, mentre le abitazioni distrutte sono 6400, otre alle 435 case nella parte meridionale, comprese le ville dei vip, soprattutto a Malibù. Le fiamme, incontrando una vegetazione secca a causa del lungo periodo di siccità, hanno bruciato quasi 900 mila km²; solo il 30% dell'area interessata dai roghi è stato messo sotto controllo dai pompieri, rallentando l'avanzata degli incendi verso Oroville, una cittadina di 16 mila abitanti.

Si tratta, quindi, di una vera emergenza, con diverse decine di miliardi di dollari di danni, tanto da convincere il presidente Trump ad approvare una dichiarazione di disastro, per alleviare alcune delle incredibili sofferenze in corso. Ma ciò non ha placato le polemiche sorte a causa delle accuse lanciate dal presidente contro le politiche ambientali delle autorità locali, così ignorando i cambiamenti climatici.

«Lo sapevo già prima, ma voi continuate a mostrare chiaramente che vi preoccupate solo di voi stesso», ha commentato Lady Gaga su Twitter, mentre Katy Perry ha definito la reazione del magnate americano «senza cuore». Hanno perso la casa, o sono state costrette a scappare, diverse star come Alyssa Milano, Will Smith, Orlando Bloom, Cher e Pink, Neil Young, Miley Cyrus, Kim Kardashian.

La rockstar canadese Neil Young, che ha perso la sua casa di Malibu, ha tuonato contro il «cosiddetto presidente Donald Trump». affermando che «la vera ragione degli incendi è il cambiamento climatico, Eventi climatici estremi e la nostra prolungata siccità ne fanno parte». Il cantautore ha ricordato che «le temperature sono più alte in California di quanto non lo siano state in qualunque estate a memoria d'uomo. I nostri pompieri non hanno mai visto nulla di simile. Trump sembra negarlo. Forse il nuovo Congresso farà qualcosa, speriamo». Miley Cyrus, la famosa popstar, ha detto di essere fra i fortunati per essere riuscita a scappare con i suoi animali e il fidanzato Liam Hemsworth.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]