Calcio, Mondiali 2010: papera di Green, l'Inghilterra stecca la prima

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search
Soccerball.svg

Segui lo Speciale Mondiali 2010 su Wikinotizie!

La Nazionale dei Tre Leoni non è riuscita a superare gli Stati Uniti nella partita d'esordio del mondiale sudafricano

Rustenburg, sabato 12 giugno 2010
Di certo Fabio Capello avrebbe sperato in un inizio diverso per questo Mondiale. Una non eccezionale Inghilterra viene fermata sull'1-1 da un'ottima Nazionale statunitense allo stadio Royal Bafokeng di Rustenburg.

Eppure l'inizio del confronto non poteva essere migliore per gli uomini di Don Fabio: dopo soli 4 minuti di gioco, un perfetto inserimento in area di rigore del capitano Steven Gerrard, capace di superare il portiere Tim Howard con un colpo d'esterno, aveva illuso i sostenitori inglesi che la gara potesse mettersi in modo diverso.

Invece, ecco ritornare al 40º minuto gli spettri che hanno accompagnato la spedizione inglese in Sudafrica e che caratterizzano gli ultimi anni di storia della nazionale, quelli dell'assenza di un portiere che infonda sicurezza alla retroguardia. Robert Green, portiere del West Ham United, si lascia ingenuamente sfuggire un facile pallone calciato da fuori area da Clint Dempsey e permette agli americani, fino a quel momento poco incisivi, di impattare il risultato.

Nella ripresa la selezione di Bob Bradley acquista fiducia, sfiorando addirittura il successo con Altidore, abile nello sfuggire alla marcatura di Jamie Carragher e ad impegnare l'estremo difensore Green, il quale smanaccia alla meglio il pallone, che colpisce il palo e viene poi liberato con affanno dalla difesa. Da parte inglese, da segnalare le occasioni, di Emile Heskey e Shaun Wright-Phillips, entrambe sventate con relativa tranquillità da Howard, ed un tiro da fuori area di Wayne Rooney, a lato di poco.

Essendo la prima gara della rassegna iridata, il pareggio non compromette nulla, né da una parte, né dall'altra: già dalla prossima gara, sia inglesi che statunitensi avranno modo di mettere in carniere i 3 punti. Appuntamento al 18 giugno, quando l'Inghilterra affronterà a Città del Capo l'Algeria, mentre gli Stati Uniti se la vedranno a Johannesburg contro la Slovenia.

Tabellino[modifica]

12 giugno 2010
ore 20:30
Inghilterra Flag of England.svg 1 – 1 Flag of the United States.svg Stati Uniti Royal Bafokeng Stadium, Rustenburg
Spettatori: 38.646
Arbitro: Carlos Eugênio Simon (Brasile)[1]
Gerrard Segnato dopo 4 minuti 4' Referto Segnato dopo 40 minuti 40' Dempsey


Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Inghilterra
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Stati Uniti
Flag of England.svg
Inghilterra:
PT 12 Robert Green
TD 2 Glen Johnson
DC 6 John Terry
DC 20 Ledley King Sub off.svg 46'
TS 3 Ashley Cole
CD 7 Aaron Lennon
CC 8 Frank Lampard
CC 4 Steven Gerrard (c) Yellow card.svg 61'
CS 16 James Milner Yellow card.svg 26' Sub off.svg 31'
A 10 Wayne Rooney
A 21 Emile Heskey Sub off.svg 79'
Sostituzioni:
CS 17 Shaun Wright-Phillips Sub on.svg 31'
DC 18 Jamie Carragher Yellow card.svg 60' Sub on.svg 46'
A 9 Peter Crouch Sub on.svg 79'
Commissario Tecnico:
Fabio Capello
ENG-USA 2010-06-12.svg
Flag of the United States.svg
Stati Uniti:
PT 1 Tim Howard
TD 6 Steve Cherundolo Yellow card.svg 39'
DC 15 Jay DeMerit Yellow card.svg 47'
DC 5 Oguchi Onyewu
TS 3 Carlos Bocanegra (c)
CD 8 Clint Dempsey
CC 4 Michael Bradley
CC 13 Ricardo Clark
CS 10 Landon Donovan
A 17 Jozy Altidore Sub off.svg 86'
A 20 Robbie Findley Yellow card.svg 74' Sub off.svg 77'
Sostituzioni:
A 14 Edson Buddle Sub on.svg 77'
CD 11 Stuart Holden Sub on.svg 86'
Commissario Tecnico:
Bob Bradley

Man of the Match:
Tim Howard (Stati Uniti) Guardalinee:
Altemir Hausmann (Brasile)[1]
Roberto Braatz (Brasile)[1]
Quarto uomo:
Eddy Maillet (Seychelles)[1]
Quinto uomo:
Evarist Menkouande (Camerun)[1]

Note[modifica]

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 [EN] Referee designations for matches 1-16. FIFA.com, 5 giugno 2010. URL consultato il 5 giugno 2010.

Fonti[modifica]