Pisa: incidente di caccia, ucciso per errore dall'amico

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 10 novembre 2018

Palaia vista dalla Rocca
Cacciatori

Sabato pomeriggio Fulvio Ceccanti, 63 anni, pensionato, residente a Bientina (Pisa) è stato ucciso per errore durante una battuta di caccia al cinghiale. Invano hanno tentato di rianimarlo l'amico che l'ha colpito e gli altri cacciatori del gruppo. L'incidente, che è avvenuto sulle colline di Palaia, nel Pisano, ha fatto salire ad otto il numero delle vittime in questa stagione di caccia.

Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i carabinieri della compagnia di San Miniato (Pisa) per cercare di ricostruire la dinamica dell'accaduto, attraverso i testimoni, anche se l'ipotesi dell'incidente è per ora la più probabile.

Luca Fornai, pensionato, ha riferito ai carabinieri di aver sparato tre colpi per uccidere un cinghiale. Uno dei colpi, purtroppo, ha centrato il suo amico. Il cacciatore è accusato di omicidio colposo, anche se forse il proiettile ha colpito l'altro cacciatore di rimbalzo, per una traiettoria imprevista.

E intanto, infuria la polemica sull'abolizione o meno della caccia in Italia. L’onorevole Michela Vittoria Brambilla (Forza Italia) chiede un provvedimento che preveda il reato di omicidio venatorio; l'onorevole vuole anche l'immediato blocco della caccia a difesa dell'ambiente.

La Lega anti vivisezione ha aperto una raccolta di firme (ne sono già state raccolte 60 mila) e sta organizzando altre iniziative, a difesa della pubblica sicurezza.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]