Risolto il caso Stefano Cucchi: condannati a 12 anni i carabinieri responsabili del pestaggio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 15 novembre 2019

« Stefano è stato ucciso, questo lo sapevamo e lo ripetiamo da 10 anni. Forse ora potrà riposare in pace »
(Ilaria Cucchi, in aula alla lettura della sentenza)

Nella giornata di ieri, c'è stato un processo importantissimo: due carabinieri responsabili dell'omicidio di Stefano Cucchi sono stati condannati dalla Corte d’Assise di Roma a 12 anni di carcere, dopo 10 anni dall'accaduto. Nel corso di questi anni, i carabinieri furono ritenuti non responsabili; la sorella di Cucchi, Ilaria, iniziò una campagna mediatica, che probabilmente fu la causa che portò il carabiniere Tedesco a testimoniare contro i suoi colleghi.

Stefano Cucchi era un ragazzo romano trovato morto il 22 ottobre del 2009 in una stanza dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, dove era ricoverato da quattro giorni dopo essere stato arrestato per possesso di droga. I carabinieri responsabili della sua morte, Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo, furono denunciati da un loro collega, Francesco Tedesco, nell'estate del 2018. Tedesco sostiene che i due abbiano pestato Cucchi la notte del 15 ottobre 2009, dopo un battibecco generato dal fatto che quest'ultimo non volle farsi prelevare le impronte digitali.

Anche il politico Matteo Salvini ha commentato la vicenda, dicendo che rispetta la famiglia Cucchi, ma che il caso "dimostra che la droga fa male", nonostante sia ormai chiaro che Stefano non sia morto per overdose. Arriva la risposta di Ilaria Cucchi, da Radio Capital, che ha affermato di star valutando di querelare il politico:

« Che c’entra la droga? Salvini perde sempre l’occasione per stare zitto. Anch’io da madre sono contro la droga, ma Stefano non è morto di droga. Contro questo pregiudizio e contro questi personaggi ci siamo dovuti battere per anni. Tanti di questi personaggi sono stati chiamati a rispondere in un'aula di giustizia, e non escludo che il prossimo possa essere proprio Salvini »

Fonti[modifica]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Morte di Stefano Cucchi.