Roma: manichini dei giocatori della Roma impiccati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

sabato 6 maggio 2017
Durante la notte tra giovedì e venerdì, a Roma, si è potuto assistere all’esposizione di quattro manichini vestiti con maglie della A.S. Roma con i nomi dei giocatori De Rossi, Salah e Nainggolan.

Era presente anche uno striscione che recitava: “Un consiglio, senza offesa… Dormite con la luce accesa”. Un‘azione pianificata da parte della Curva Nord laziale e rivendicata sui social in tempo reale.

Gli ultras hanno dichiarato che il tutto vada circoscritto nel sano scherzo e non vi sia nessuna minaccia rivolta ai giocatori. Le bambole sarebbero una metafora per rimarcare lo stato depressivo di cui risentono i tifosi romani; i manichini rappresenterebbero la continuazione del funerale della Roma inscenato a Trigoria nei giorni scorsi accompagnato dalla scritta “Arrivederci, al prossimo incubo” ribattuto dai giallorossi con “Dormiamo sonni tranquilli", funerale che continua secondo i laziali dal 2014 e che si ripresenta fortemente ogni anno nei derby (ultimamente vinti solo dalla A.S. Lazio).

Damiano Tommasi, presidente del sindacato dei calciatori, afferma che l’accaduto è un problema serio.

Intanto la Digos indaga per procurato allarme ed ha aperto un fascicolo su questo argomento. Lo stesso afferma la sindaca Raggi dicendo che è inaccettabile questo atteggiamento e che questo non è da considerare sport. La Juventus e la Nazionale affermano che questi atteggiamenti da parte dei tifosi non dovrebbero esistere.

Fonti[modifica]