Rutelli chiede la restituzione dell'Atleta di Fano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 11 luglio 2007
In occasione dell'inaugurazione della Pinacoteca di arte sacra realizzata della Chiesa di San Domenico a Fano (PU), il ministro dei Beni Culturali Francesco Rutelli ha nuovamente richiesto la restituzione dell'Atleta di Fano, la statua bronzea attribuita allo scultore greco Lisippo, ritrovata nel 1964 nel mar Adriatico da un peschereccio italiano, illegalmente venduta, che ora si trova esposta al Getty Museum di Malibu in California.

Atleta di Fano

Il ministro ha affermato che: «Dal momento che il bronzo è stato issato a bordo di un peschereccio italiano e sbarcato in un porto italiano , è diventato automaticamente oggetto della legislazione del nostro paese che condanna l'espatrio clandestino delle opere d'arte. Restituire il "Lisippo" all'Italia e a Fano per il Paul Getty Museum è un dovere, non solo morale, ma anche riconosciuto dal diritto internazionale. Combattere il trafugamento di opere d'arte è una questione di civiltà, per la quale ci impegneremo fino in fondo».

Il ministro ha lanciato un ultimatum al museo statunitense, ultimamente al centro dell'attenzione internazionale per il processo a carico della sua ex-curatrice Marion True per contrabbando di opere d'arte, se entro la fine di luglio non si arriverà ad una conclusione delle trattative ogni forma di collaborazione verrà interrotta e scatterà una sorta di embargo culturale, nei confronti del discusso museo.

A fianco delle trattative c'è l'indagine che la Procura della Repubblica di Pesaro ha aperto sul reato di contrabbando.

L'Atleta di Fano, come la Venere di Morgantina e decine di altri oggetti trafugati e oggi esposti al Getty Museum, è al centro delle polemiche da molti anni e il museo statunitense, nonostante non abbia mai saputo dare spiegazioni sulla provenienza della statua e sulla legalità dell'acquisto, si è sempre opposto alla restituzione, anche in considerazione del notevole valore economico del reperto, acquisito dal museo nel 1977 per 3,98 milioni di dollari.

Articoli correlati

Fonti

Collegamenti esterni