Scandalo Etna Trasporti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Lo scandalo della Etna Trasporti è un evento di cronaca salito alla ribalta in data 29 luglio 2018. Secondo quanto affermato trasversalmente da centri sociali e testate di destra moderata (cfr, Il Giornale) l'autista di un bus afferente alla dita ha impedito bruscamente l'ingresso all'interno della vettura a cinque immigrati muniti di biglietto valido per la tratta, quando i bagagli erano stati già sistemati al suo interno. Secondo i testimoni, tra cui alcuni colleghi del conducente, questi avrebbe fatto manovra in modo da impossibilitare l'accesso ai suddetti migranti. Nonostante la pista razzista sia stata riconosciuta dai principali quotidiani nazionali, la Etna Trasporti, complice il silenzio del Governo sui fatti di razzismo avvenuti a ridosso di quell'episodio, ha dichiarato pubblicamente l'estraneità del movente xenofobo. Dopo che un sit in di protesta è stato organizzato sul luogo dell'accaduto, e dopo che la polemica è montata sui social, si apprende che è stata aperta un'indagine interna per chiarire meglio la posizione del conducente.