Differenze tra le versioni di "Libia: liberati i quattro italiani. A Tripoli ancora spari contro i giornalisti"

Jump to navigation Jump to search
(fix vari // + categoria di argomento // +Wikinotizie)
Sono gli stessi ex ostaggi a raccontare ora la dinamica del loro rapimento. Dal loro racconto emerge che gli uomini armati che hanno assalito il [[w:Pick up|pick up]] su cui viaggiavano i giornalisti e che hanno ucciso l'autista volessero uccidere anche i quattro italiani. A salvarli sarebbe stata proprio una divisione interna fra i rapitori, alcuni dei quali hanno portato via i prigionieri e li hanno trasferiti in un appartamento, dove due civili li hanno tenuti nascosti. Sempre secondo il racconto dei quattro, sarebbe stato sempre un gruppo di "dissidenti" tra i sequestratori, ad effettuare la loro liberazione.
 
Non è finita qui, tuttavia, l'avventura dei giornalisti. Infatti, l'hotel Corinthia, dove si trovavano insieme ad altri giornalisti (fra i quali anche i trenta liberati ieri dall'hotel Rixos), è stato teatro di [[w:Guerra civile libica|scontri a fuoco tra i ribelli]], che presidiavano la zona, e le truppe ancora fedeli a [[w:Mu'ammar Gheddafi|Mu'ammar Gheddafi]], forse cecchini nascosti nei pressi dell'hotel. Su un edificio a circa trecento metri dall'albergo è stata issata una bandiera di Gheddafi.
 
Gli scontri sono durati circa quaranta minuti prima che, verso le 14.30, i ribelli eliminassero la minaccia riprendendo il controllo della zona.
[[Categoria:Politica e conflitti]]
[[Categoria:Guerre civili]]
[[Categoria:Guerra civile libica]]
[[Categoria:Mu'ammar Gheddafi]]
Utente anonimo

Menu di navigazione