Terrasanta, cristiani bersaglio dell'odio islamico

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

sabato 3 settembre 2005

ChristianitySymbol.svg

Le comunità cristiane in Terrasanta sono oggetto di odio e di vessazioni. Padre Pierbattista Pizzaballa racconta di come la gente di Hamas e della Jihad islamica sottoponga a gravi pressioni le popoloziani cristiani e di come anche le autorità palestinesi facciano ben poco per punire i responsabili. Sami Qumsieh, direttore di Al Mahdeh, ha raccolto in un dossier 93 casi di ingiustizie di vario tipo commesse tra il 2000 e il 2004. Stupri, rapimenti, proprietà rubate, abusi ed offese, sono in numero sempre crescente.

Tra i casi più gravi quello della sedicenne Rawan William Mansour che due anni fa è stata violentata da miliziani di Fatah e che, nonostante la denuncia, non sono stati arrestati. La famiglia fu costretta ad emigrare in Giordania per evitare la vergogna. Tre anni fa, due sorelle della famiglia Amre, furono assassinate a colpi di pistola da uomini vicini all'Autorita palestinese. Le ragazze erano accusate di prostituzione, ma l'autopsia rivelò che le ragazze erano vergini e che erano state torturate prima di essere uccise. Quasi tutti i casi di espropriazione, circa 140, avvenuti negli ultimi anni, sono stati opera di militanti di gruppi islamici o di agenti della polizia.

Il razzismo contro i cristiani sta aumentanto in modo vertiginoso. I cristiani a Betlemme erano il 75% nel 1950, oggi non raggiungono il 12%. Nel 1948, anno della fondazione di Israele, i cristiani erano il 14% della popolazione, oggi sono ridotti al 2%: 170.000 cristiani, di cui 80.000 cattolici. Il 60% vive in Israele, il resto nei territori occupati nel 1967.

I luoghi sacri al cristianesimo custoditi da francescani in Terrasanta sono 42, tra i piu importanti: il Santo Sepolcro, il Getsemani e il Monte Sion a Gerusalemme, il Santuario dell'apparizione di Gesù ad Emmaus, la Basilica della grotta della Natività a Betlemme, Nebo, il luogo del Battesimo di Gesù nel Giordano, il luogo della trasformazione di Gesù sul Monte Tabo, la Grotta dell'Annunicazione di Maria a Nazareth, il luogo del primo miracolo di Gesù a Cana e la Cappella di San Pietro a Tabgha.

Fonti