Afghanistan: ucciso un militare italiano nella provincia di Farah

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

giovedì 25 ottobre 2012

Lo scontro a fuoco, tra militari italiani e afghani, è avvenuta a sud della città di Herat, raffigurata in questa foto.
La posizione dell'Afghanistan nel mondo


Per quanto riguarda le Forze Armate italiane, queste sono state delle giornate terribili per tutto il popolo italiano, da sottolineare, che nella giornata del 25/10/12, alle 13:40 ora locale, in Afghanistan sono rimasti uccisi un militare italiano ed uno afgano impegnati in una operazione congiunta di pattugliamento a sud di Herat, nella provincia di Farah. La scena dello scontro, è avvenuta nei dintorni del distretto di Bakwa.

Il militare italiano ucciso è il caporale degli alpini Tiziano Chierotti, la sua salma verrà portata in patria, nella città di Roma il 28/10/12 alle ore 10:00, per gli ultimi saluti al militare. I funerali di Stato, verrano celebrati nella chiesa di Santa Maria degli Angeli, inoltre, il giorno seguente a Bolzano, nella Chiesa dei Domenicani, una messa verrà data in suo nome.

Tiziano, aveva solo 24 anni ed era uno dei feriti più gravi, poichè, aveva riportato gravi lesioni all'addome. A causa di questa sua brutta situazione, era stato trasportato nella struttura sanitaria di livello superiore di Camp Bastion. Questo, però, non ha portato ad un miglioramento. Per il giovane militare originario da San Remo, non c'è stato niente da fare e dopo vari tentativi di rianimazione, alle 19:45 ore locali, la sua anima si è spenta. Tiziano Chierotti era in attività dal 2008, i suoi ultimi giorni di vita li aveva trascorsi in Afghanistan. Aveva da poco compiuto i 24 anni, precisamente, il 7 ottobre.


Altri tre militari italiani sono rimasti feriti, riportando lesioni alle gambe.

A quanto riferisce lo Stato Maggiore della Difesa, i militari italiani si trovavano nel villaggio di Siav per pattugliare la zona. Sono stati attaccati da un gruppo d'insorti. Grazie ad un elicottero che ha portato le vittime nell'ospedale del campo di Faraq, i feriti sono stati soccorsi e ricoverati, dopo 30 minuti dall'accaduto.

Lo sconforto assoluto, è arrivato anche nella mattinata del 26/10/12, quando un un blindato italiano, è rimasto coinvolto nell'esplosione di un ordigno rudimentale, scoppiato nelle vicinanze di Farah. I sei militari che si trovavano all'interno del blindato, sono rimasti indenni. Comunque sia, saranno obbligatoriamente sottoposti alla visita di un medico, al rientro in base.


I commenti italiani[modifica]

"Tiziano è morto per difendere i civili", ha commentato il portavoce delle forze italiane in Afghanistan, ovvero il maggiore Mario Renna. Ha espresso il proprio sentimento nei confronti di Tiziano, anche il mondo politico, dove il Consiglio dei Ministri, in apertura di seduta, ha dedicato un minuto di silenzio al militare. Il Presidente del Consiglio Mario Monti, ha deciso di creare un appello :"tutto il mondo politico e istituzionale si raccolga intorno alle Forze Armate italiane, confermando il pieno sostegno al loro impegno nelle aree di crisi e in particolare all'opera encomiabile che prestano al servizio del nostro Paese nella cruciale fase di transizione istituzionale, stabilizzazione e pacificazione in Afghanistan".


Le reazioni delle persone vicine a Tiziano[modifica]

Tiziano Chierotti, anche se nato a Sanremo, viveva insieme ai parenti a Taggia, nei dintorni di Imperia. Il sindaco della città, ha istituito un giorno di lutto cittadino.

Altri accaduti di ieri e oggi[modifica]

Le forze Usa in Afghanistan riferiscono dell'uccisione di due soldati da parte di un militare afghano.

Due soldati britannici sono invece rimasti uccisi nella giornata di ieri.


Fonti[modifica]