Elezioni in Germania: vince Angela Merkel

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 22 settembre 2013

Oggi alle 18:00 sono terminate le votazioni in Germania ed è cominciato lo spoglio delle schede: i primi exit poll danno come vincitrice delle elezioni che devono rinnovare il Bundestag[1], la CDU di Angela Merkel, che affronterà così un terzo mandato da cancelliere[2]. Il partito di Centro-destra si attesta su una quota del 42%, sfiorando la maggioranza assoluta, anche se il suo alleato FDP ha ottenuto dei risultati bassissimi, addirittura non superando il 5% necessario per entrare nel Bundestag. Altro "non ammesso" è il partito anti-euro Alternative für Deutschland[3] (AfD), che però sale nel consenso popolare. Ma il vero grande sconfitto è Peer Steinbrück, leader del principale partito di Centro-sinistra, lo SPD, che ottiene il 26% dei voti; un risultato assai diverso da quello degli ultimi sondaggi che lo davano al 44% contro il 45% della Merkel.

Questi dati ovviamente sono solo i primi ad uscire dalle urne, è perciò possibile che ci sia qualche cambiamento, ma il vantaggio della CDU è talmente alto che è inverosimile sia raggiunto o perfino superato.

Dati definitivi[modifica]

Partito Voti % +/- Seggi +/-
Unione Cristiano Democratica di Germania (CDU) 18 157 256 41.55 % + 7.7 311 + 72
Unione Cristiano-Sociale in Baviera (CSU)
Partito Socialdemocratico Tedesco (SPD) 11 247 283 25.74 % + 2.7 192 + 46
La Sinistra 3 752 577 8.59 % - 3.3 64 - 12
Alleanza '90 - I Verdi (GAL) 3 690 314 8.44 % - 2.3 63 - 5
Partito Liberale Democratico (FDP) 2 082 305 4.76 % - 9.8 - - 93
Alternativa per la Germania (AfD) 2 052 372 4.7 % + 4.7 - ± 0
Partito Pirata 958 507 2.19 % + 0.2 - ± 0
Partito Nazional-Democratico Tedesco (NDP) 560 660 1.28 % - 0.2 - ± 0
Altri 1 201 200 2.75 % + 0.2 - ± 0
TOTALE 43 702 474 100 % n/a 630 n/a

I due candidati principali[modifica]

Note[modifica]

  1. Il Parlamento Federale tedesco.
  2. Il primo ministro, capo del Governo tedesco.
  3. Alternativa per la Germania in lingua tedesca.

Fonti[modifica]