1º maggio: festa dei lavoratori ma non per tutti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 1 maggio 2022

La Festa dei lavoratori viene celebrata il 1º maggio di ogni anno in molti paesi del mondo, per ricordare tutte le lotte per i diritti dei lavoratori, originariamente nate per la riduzione della giornata lavorativa. Ma ad oggi, possiamo dire che la strada da fare è ancora lunga e tortuosa. Proprio oggi torna a parlare la signora Emma Marrazzo, madre di Luana, una giovane operaia di 22 anni che tra pochi giorni (3 maggio) compirà un anno dalla sua morte, causata dal risucchiamento del macchinario con cui stava lavorando quasi un anno fa e per il quale fu accertato che i dispositivi di sicurezza non erano attivi. L’urlo di denuncia della signora Marrazzo è rivolto proprio verso questa direzione, una maggiore tutela dei lavoratori, maggiori controlli di sicurezza e l'installazione di apparecchiature video che permettano di tenere traccia di ciò che accade nei luoghi di lavoro. La madre della giovane operaia denuncia che " queste sono morti che si possono evitare, morti violente come in una guerra" solo che l'arma che viene usata è la mancanza di buon senso, di cuore, è la "disumanità immensa" di togliere i dispositivi di sicurezza ai macchinari." Martedì, giorno del triste anniversario, ci sarà alle 18 una messa nella chiesa di Santa Maria a Spedalino, nel comune di Agliana (Pistoia) dove Luana viveva con la famiglia.


Fonti[modifica]