Accordo Lega-Pdl sulle elezioni 2013

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

7 gennaio 2013

Conferenza stampa tenuta da Roberto Maroni sull'accordo

La scorsa notte ad Arcore Silvio Berlusconi e il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni, hanno stretto un patto per le future elezioni regionali e politiche.

In Lombardia il Carroccio avrà il sostegno del Pdl, in quanto «da soli non ce l’avremmo fatta a vincere in regione», spiega Maroni.

«Alfano può essere il nostro candidato premier ed io posso fare il ministro [dell']economia», è stata la risposta di Berlusconi ai microfoni di Rtl 102.5 a commento della richiesta di Calderoli di un candidato giovane alla Presidenza del consiglio.

Sull'accordo in campo nazionale, Berlusconi ha dichiarato: «Io sono il leader della coalizione e deciderò con gli altri partiti che ne fanno parte, in caso di vittoria, chi è il candidato premier da proporre al capo dello Stato».

Contrastanti le reazioni della "base" leghista: molti militanti hanno manifestato il loro forte dissenso per un accordo che rischia di compromettere definitivamente il partito, mentre altri hanno invece espresso soddisfazione per l'accordo per i risultati che potrà portare.

Fonti[modifica]