Al Brasile il mondiale di pallavolo maschile 2006 in Giappone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

3 dicembre 2006

Il Brasile ha vinto la finale del campionato mondiale di pallavolo maschile battendo la Polonia per 3-0 (25-12, 25-22, 25-17).

Allo Yoyogi Stadium di Tokyo (Giappone) Bernardinho ha guidato i suoi ragazzi alla vittoria. I brasiliani erano strafavoriti, l'unico dubbio era che potessero essere colpiti dalla paura di non vincere, invece, bloccati dalla paura sono stati i polacchi, che non sono riusciti a reagire in alcun modo al gioco brasiliano. Non c'è stata storia, solo nel secondo set i polacchi sono riusciti a rimanere attaccati ai brasiliani, perdendo di tre punti.

Finale 1° posto[modifica]

Brasile: André 14, Dante 9, Gustavo 7, Ricardinho, Giba 13, André Heller 9, Sergio (L); non entrati: Marcelinho, Murilo, Anderson, Samuel, Rodrigao. All.: Bernardinho.
Polonia: Plinski 3, Wlazly 14, Swiderski 9, Kadziewicz 3, Zagumny 1, Winiarski 2, Gacel (L), Bakiewicz (L), Grzyb 2, Zygadlo, Gruszka; non entrati: Szymanski. All.: Lozano.
Arbitri: Nava Abarca (Messico), Wang (Cina).

Le altre finali[modifica]

  • 3° posto: Bulgaria-Serbia 3-1 (22-25, 25-23, 25-23, 25-23)
  • 5° posto: Italia-Francia 3-0 (25-19, 25-17, 30-28)
  • 7° posto: Russia-Giappone 3-1 (25-18, 22-25, 25-18, 25-17)
  • 9° posto: Germania-USA 3-2 (25-17, 25-18, 25-27, 20-25, 17-15)
  • 11° posto: Portorico-Canada 3-1 (25-17, 18-25, 25-22, 25-21)

L'italia batte la Francia nella finale per il 5° posto[modifica]

Dopo la delusione per l'esclusione dalle semifinali che contano, l'Italia riscatta il suo mondiale vincendo la finale per il quinto posto contro la Francia. Terminata la partita, Samuele Papi ha annunciato la sua intenzione di lasciare l'attività agonistica: «Ho fatto dodici anni in azzurro è ora di lasciare posto ad altri».

Italia: Papi 6, Semenzato 10, Fei 15, Cisolla 15, Mastrangelo 7, Vermiglio 2, Corsano (L), Savani; non entrati: Cernic, Cozzi, Coscione, Lasko. All.: Montali.
Francia: Vadeleux 2, Granvorka 4, Samica 3, Kieffer 5, Pujol 1, Antiga 2, Exiga (L), Kilama 6, Castard 7, Kapfer 4, Hardy Dessources 4; non entrati: Le Marrec. All.: Blain.
Arbitri: Antonov (Bulgaria), Polkin (Russia).

Fonti[modifica]