Argentina: scandalo di spionaggio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 8 giugno 2020

In un'Argentina schiacciata tra la crisi economica, che la fa avvicinare alla sua nona dichiarazione di fallimento, e quella sanitaria, i casi confermati di COVID-19 superano i 22 000, fa capolino uno scandalo politico legato al mondo dello spionaggio. Secondo il quotidiano Tiempo Argentino l'ex presidente del paese Mauricio Macri durante il suo mandato (2015-2019) avrebbe sfruttato l'Agencia Federal de Inteligencia (i servizi segreti argentini) per spiare oltre 500 persone, tra cui si contano almeno 400 giornalisti argentini e non.

La lista sarebbe stata stilata in occasione di due eventi internazionali ospitati dall'Argentina: il G20 del 2018 e l'11ª Conferenza ministeriale dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Come riportato dallo stesso quotidiano, il Presidente è sospettato di aver spiato illegalmente, oltre che un alto numero di giornalisti, anche diversi esponenti del clero e del governo. Durante l'udienza tenutasi nella giornata di oggi era presente anche la Vicepresidente Cristina Fernández de Kirchner, tra le persone spiate tramite il servizio d'intelligence.

Fonti[modifica]