Attentato a Istanbul: l'ISIS rivendica l'attacco

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

lunedì 2 gennaio 2017
Il giorno di capodanno un killer è entrato nella discoteca Reina Club, uno dei più esclusivi locali di Istanbul che si trova nel quartiere di Beşiktaş, nella zona "europea" della città, ed è frequentato dalla parte benestante della popolazione. L'assassino, con un kalašnikov, ha fatto fuoco sulla folla. Il bollettino di sangue parla di decine di morti, di cui 15 turisti stranieri. I feriti sarebbero 69. Secondo la ricostruzione fornita dal Ministero dell’Interno turco, il killer si è fatto strada nel locale uccidendo un agente di polizia ed un addetto della sicurezza all’ingresso della discoteca.

Il premier turco Binali Yıldırım ha smentito la circostanza del travestimento. «È stato detto che il terrorista indossava un abito da Babbo Natale - ha spiegato - Non è così. La persona entrata nel locale ha ucciso due persone all'entrata del night club. Poi è entrata nel night club ed ha cominciato a colpire ed uccidere tutte le persone di cui si è avuta notizia.»

L'attacco è stato rivendicato dall'ISIS.

Fonti[modifica]