Berlusconi a Fassino: "Mi fa piacere che condivida quel che dico io"

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 22 settembre 2007

Silvio Berlusconi alla parata militare del 2 giugno 2007

Silvio Berlusconi commenta le parole di Fassino con i giornalisti in via del Plebiscito. "Bene, mi fa piacere che condividono quello che io considero una necessità per il Paese", ha dichiarato il leader della Casa delle Libertà per commentare ciò che stamattina ha affermato Piero Fassino sul futuro del Governo Prodi.

Ma Piero Fassino non perde tempo a rispondere: "Berlusconi non faccia il furbo e non imbrogli ancora una volta gli italiani. Io ho detto che non esiste un'altra maggioranza e un altro governo non certo per andare a elezioni anticipate ma per richiamare tutti i partiti del centrosinistra alla responsabilità di onorare le aspettative degli elettori, rinsaldando la coesione e la solidarietà di governo".

Numerose le reazioni di altri esponenti politici alle parole di Fassino. Enrico Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, si è mostrato d'accordo con Fassino, dichiarando che "Fa parte delle regole del gioco che ci siamo dati in questi ultimi anni. Questo è un governo di legislatura. Nel momento in cui venissero meno le condizioni, si cambia legislatura. Penso però che non verranno meno le condizioni e che noi riusciremo a governare per tutta la legislatura".

Si dice d'accordo anche il segretario di Rifondazione Comunista, Franco Giordano: "Se cade il governo si vota, così si frenano tutte le manovre e i tentativi di intrighi di palazzo. La sinistra non ha mai avuto un voto difforme in Parlamento, tutte le volte che ci sono stati problemi sono stati originati dalle fibrillazioni del centro".

Dello stesso avviso anche Alfonso Pecoraro Scanio, segretario dei Verdi e Ministro per l'Ambiente, e Oliviero Diliberto, segretario del Pdci, che afferma: "non si può defraudare gli elettori sulla scelta fatta al momento del voto. L'idea di un governo istituzionale o di una maggioranza diversa non è democratica. Ben vengono dunque le elezioni, anzi, mal vengano, considerato, e lo spero, che il governo rimanga in carica cinque anni".

Poi, Silvio Berlusconi ha commentato anche le parole di Giorgio Napolitano, sui politici che si fanno vedere troppo spesso in televisione. "Io ci vado poco in tv" - ha detto Berlusconi - "non ho mai avuto questa smania".


Fonti[modifica]