Borse europee in forte perdita: bruciati 187 miliardi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 19 novembre 2007
La settimana delle borse europee è iniziata male, con perdite nette pari a 187 miliardi di euro. Le cause sono da ricercare nella crisi dei mutui subprime, che dopo gli Stati Uniti investe anche l'Europa secondo i dati di Swiss Reinsurance. Tra le piazze europee è proprio il quella di Milano a subire le maggiori perdite, quantificabili con un 2,46% (pari a 29.005 punti, minimo annuale, raggiunto solo nel periodo della crisi dei mutui statunitensi). Nella notte anche la borsa di Tokyo aveva subito un calo dello 0,74%, mentre sia il Dow Jones che il Nasdaq hanno perso oltre un punto percentuale (precisamente l'1,66%). I valori delle altre borse sono tutti in perdita:

Anche i titoli principali registrano forti cali. Di seguito i valori odierni di alcuni dei titoli principali:

Tra i maggiori titoli si salvano solo Telecom e Alitalia, che, anche se in percentuale minima, guadagnano. La Telecom fa registrare un + 0,41%, mentre l'Alitalia è sostanzialmente invariata (+ 0,01%).

Oltre alle perdite in borsa la giornata odierna fa registrare un nuovo aumento del prezzo del gasolio, che sfiora 1,3 euro al litro. Da domani infatti dovrebbero esserci degli aumenti nei distributori Api ed Ip di 0,9 centesimi di euro. Rincari anche per il gasolio Total, con il prezzo che domani si attesterà a 1,287 euro al litro.

Fonti[modifica]