Vai al contenuto

Brescia: ritrovato nel Duomo un biglietto in dialetto bresciano risalente al 1538

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

domenica 3 settembre 2023

Durante i lavori di restauro degli affreschi del Romanino nel Duomo Vecchio di Brescia è stato scoperto un biglietto risalente al 1538 scritto da un artigiano che lavorò alla costruzione dell'organo di Gian Giacomo Antegnati, membro di una famiglia di organari attiva in tutta la Lombardia, ma anche nel mondo germanico. Trovato ripiegato in 32 pezzi all'interno di un'anta che era stata esposta nel Duomo Nuovo, il bigliettino riporta la data di scrittura ed è stato affidato per la trascrizione alla professoressa Barbara Maria Savy dell'Università di Padova, docente di storia dell'arte ed esperta proprio del Romanino.

Il testo del bigliettino, in dialetto bresciano del sedicesimo secolo, recita:

« Mi Pasì da Pasira si fat questi coloni de l’orgen del dom
El dì 12 de aprilil mili 538 »

Secondo i documenti dell'epoca, proprio a Passirano era attiva una famiglia di carpentieri chiamata proprio Pasino. La scoperta è stata annunciata nell'anno in cui Brescia e Bergamo sono capitali italiane della cultura.

Fonti[modifica]