Calcio, Argentina: l'ex calciatore Perfumo grave dopo una caduta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

10 marzo 2016 L'ex calciatore argentino Roberto Perfumo, 73 anni, è ricoverato in gravi condizioni in un ospedale di Buenos Aires a causa di una caduta. La notizia è stata pubblicata sulla stampa argentina nelle prime ore del pomeriggio europeo.

Perfumo nel 1969

Il fatto è avvenuto nelle prime ore della mattinata, secondo il racconto dei media argentini, tra le due e le tre del mattino del 10 marzo, quando in Europa era già giorno: Perfumo si trovava in un ristorante italiano nel barrio bonaerense di Puerto Madero quando è caduto da una scala, battendo il capo e provocandosi un trauma e una sospetta frattura. Subito ricoverato e sottoposto a TAC, non sono tuttavia ancora note allo stato le sue condizioni cliniche.

Nato a Sarandí, centro della provincia di Buenos Aires, nel 1942, in carriera Perfumo era considerato uno dei migliori difensori della sua generazione; militò nel Racing di Avellaneda e nel River Plate e, in Brasile, nel Cruzeiro. Fu 10 anni in maglia biancoceleste della Nazionale argentina e prese parte ai campionati mondiali del 1966 e 1974. In Italia divenne famoso perché fu lui l'autore dell'autogoal con cui la Nazionale azzurra nel mondiale 1974 pareggiò 1-1 proprio contro l'Argentina. Lo scrittore e cronista Giovanni Arpino, nel suo libro Azzurro tenebra, dedicato alla fallimentare spedizione italiana di quel campionato, definì Perfumo «argentino di Cuneo» in ragione delle sue ascendenze piemontesi.

Dopo la fine della carriera agonistica divenne allenatore per circa un decennio e, dalla metà degli anni novanta, è commentatore e cronista calcistico per varie testate come Fútbol Para Todos, Radio Nacional ed ESPN in lingua spagnola.

Allo stato la prognosi è tuttora riservata.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]