Calcio, Jérôme Rothen critica Zinédine Zidane nel suo libro

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 3 ottobre 2008

Jérôme Rothen

Jerome Rothen, apprezzato calciatore francese e compagno, nella selezione transalpina, di Zinedine Zidane, ha lanciato diverse critiche sull'atteggiamento del campione di Juventus e Real Madrid, accusandolo di mancanza di fair play attraverso il suo libro Non mi crederete, in vendita dall'8 ottobre.

Nella partita valida per i quarti di finale della Champions League 2003-2004, durante la sfida tra il Real Madrid di Zidane e il Monaco di Rothen, che vincerà per 3-1, passando il turno e arrivando poi alla finale (persa 3-0 col Porto di Josè Mourinho) avviene l'episodio cui si riferisce Rothen, che attualmente milita nel Paris Saint Germain, così descirtto:

« In una delle ultime azioni, sono in uno contro uno con Zinedine Zidane. Il pallone gli è incollato ai piedi, (...) ma riesco comunque a togliergli il pallone. Tento il rilancio ma un tackle mi mette a terra. Non ho proprio male, ma visto che resta poco tempo, crollo come un pessimo attore cinematografico e simulo. (...) Zidane si avvicina e mi dice: "Alzati figlio di puttana" »

L'insulto rifilato da Zidane sarebbe la stessa presunta frase a lui pronunciata dal difensore italiano Marco Materazzi nella finale del campionato mondiale di calcio 2006, che si guadagnò la famosa testata, immagine finale della carriera del fenomeno di origini algerine.

Tutto ciò viene poi aggravato dal fatto che Zidane non si è mai scusato con Rothen, che si è sempre sentito molto ferito da ciò.

Immediate le reazioni dell'entourage di Zidane: i suoi sponsor stanno cercando di convincere Rothen a "ritrattare", mentre Canal+, per cui Zidane fa il commentatore, ha ignorato il libro.

Fonti[modifica]