Calcio, Mondiali 2010: l'Olanda rimonta e vola in semifinale, fuori il Brasile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search
Soccerball.svg

Segui lo Speciale Mondiali 2010 su Wikinotizie!

Port Elizabeth, venerdì 2 luglio 2010

Clamoroso al Nelson Mandela Bay Stadium. Il Brasile domina il primo tempo, va in vantaggio con Robinho, sfiora più volte il raddoppio, ma non chiude la partita. Nella ripresa l'Olanda riprende coraggio e, aiutata da due grosse ingenuità di Felipe Melo, pareggia e poi trova il gol della vittoria con Wesley Sneijder. Eliminata la nazionale pentacampione del mondo, che finisce anzitempo il secondo mondiale consecutivo.

La prima frazione di gara, come accennato prima, è decisamente a favore degli uomini di Carlos Dunga, fin da subito in partita, mentre gli olandesi sembrano spaesati. Dopo 8 minuti arriva il gol di Robinho, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Al decimo minuto Felipe Melo vede e serve sullo scatto ancora Robinho, perso completamente dalla difesa oranje: l'attaccante ex Manchester City colpisce di prima e trafigge Maarten Stekelenburg.

Dopo il vantaggio è ancora il Brasile ad avere le migliori occasioni per indirizzare a proprio favore l'incontro. Prima Juan spara alto da posizione favorevole, poi Kaká impegna il portiere olandese con una pennellata a giro. Poco prima del riposo è Maicon a mettere in difficoltà la retroguardia avversaria, ma Stekelenburg interviene.

Nella ripresa la musica cambia: dopo 8 minuti, sugli sviluppi di un calcio di punizione, Sneijder crossa un pallone da posizione molto defilata; la traiettoria è favorevole a Júlio Cesar, che però trova incredibilmente il disturbo del compagno Felipe Melo, che devia la sfera in porta.

Al 66' Kaká ha un'altra occasione per segnare, ma un altro tiro a girare finisce di poco a lato. Al 68' la svolta dell'incontro: da calcio d'angolo di Arjen Robben, spizzato di testa Dirk Kuyt, fino a quel momento poco presente, interviene Sneijder, anch'egli di testa, realizzando la rete del vantaggio. Il 2-1 pesa molto sulle gambe e sulla testa dei brasiliani, che al 73' restano anche in 10, per un fallo di Felipe Melo, che poi mette i tacchetti sulla gamba di Robben, meritandosi l'espulsione.

Gli ultimi 10 minuti sono ricchi di ribaltamenti di fronte, con il Brasile che cerca con tutte le proprie forze di trovare la rete del pari e con gli olandesi che sprecano almeno 3 situazioni di superiorità numerica per chiudere definitivamente l'incontro. Dopo 3 minuti di recupero il triplice fischio del giapponese Nishimura estromette la nazionale verdeoro (in maglia blu) e lancia l'Olanda in semifinale, ad attendere la vincente di Uruguay-Ghana, questa sera al Soccer City di Johannesburg.

Fonti[modifica]