Calcio, Mondiali 2010: la Germania cancella l'Argentina: 4-0

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search
Soccerball.svg

Segui lo Speciale Mondiali 2010 su Wikinotizie!

Città del Capo, sabato 3 luglio 2010

Doveva essere una sfida combattuta, visti i celebri precedenti tra queste due squadre. Così non è stato: la Germania ha letteralmente surclassato gli avversari dell'Argentina, mai realmente in partita. Il risultato finale, 4-0 per gli uomini di Joachim Löw, non lascia spazio a recriminazioni.

La nazionale tedesca sblocca il risultato dopo soli 3 minuti con Thomas Müller, che devia in rete di testa un calcio di punizione dal lato sinistro di Bastian Schwensteiger. Al 24', Miroslav Klose ha la possibilità di raddoppiare, ma il suo tiro, imbeccato dallo stesso Müller, finisce alto. Gonzalo Higuaín al 34' cerca di impegnare il portiere Manuel Neuer con un tiro basso e angolato, ma l'estremo difensore para. Al 37' Carlos Tevez va in rete, ma l'azione è viziata dal fuorigioco di ben 4 giocatori albiceleste e l'arbitro annulla. Si va al riposo sull'1-0 per i tedeschi.

Nella ripresa Ángel Di María ha una buona opportunità, ma il suo tiro si spegne di poco a lato. È l'ultimo sussulto dell'Argentina, che per il resto dell'incontro non riuscirà mai ad impegnare seriamente i difensori teutonici. Al 68' la Germania raddoppia con Klose, alla centesima presenza in nazionale, che deve solo spingere in rete l'assist di Lukas Podolski.

Sei minuti dopo, la partita è chiusa: dopo una insistita azione personale di Schweinsteiger, lo stesso centrocampista del Bayern serve il pallone vicino all'area di porta, dove interviene prima di tutti Arne Friedrich, per il 3-0. Per il difensore si tratta del primo gol in nazionale, alla settantasettesima presenza.

Il minuto 89 è l'apoteosi tedesca, quando Klose realizza il gol del 4-0. L'Argentina è umiliata, la Germania dimostra una volta di più la sua attitudine ai Mondiali e si proietta in semifinale, dove attende la vincente dell'incontro Paraguay-Spagna.

Fonti[modifica]