Calcio, Mondiali 2010: tris Brasile, quarto di finale contro l'Olanda

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search
Soccerball.svg

Segui lo Speciale Mondiali 2010 su Wikinotizie!

Johannesburg, lunedì 28 giugno 2010

Juan realizza la rete dell'1-0 per il Brasile

Si preannuncia un quarto di finale di alto livello, venerdì prossimo a Port Elizabeth: a sfidare l'Olanda, qualificatasi nel pomeriggio, sarà infatti il Brasile pentacampione, che questa sera ha sconfitto con un rotondo 3-0, secondo previsioni, il Cile di Marcelo Bielsa.

I cileni pagano la superiorità tecnica degli avversari, ma nonostante il passivo, non escono umiliati dal confronto, che per i primi 30 minuti si rivela molto equilibrato, con la retroguardia della Roja che controlla senza troppa apprensione le tuttavia rare folate verdeoro. Il primo tentativo della gara porta la firma di Jean Beausejour, che al 2' minuto si guadagna un corner; 2 minuti dopo è un'incursione di Arturo Vidal ad impensierire i difensori di Carlos Dunga.

Il Brasile si sveglia al 9', quando Gilberto Silva tenta una conclusione dai 30 metri, smanacciata in angolo da Claudio Bravo.

Al 27' Lúcio viene sgambettato in area di rigore da Pablo Contreras, ma il direttore di gara non accorda il penalty. Nonostante l'errata valutazione dell'arbitro, il vantaggio arriva comunque poco più tardi, al 34', quando Juan svetta di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo e sblocca il risultato. Quattro minuti dopo arriva il raddoppio, realizzato da Luís Fabiano, che conclude al meglio una rapida azione di contropiede, su assist di Kaká. Il primo tempo si conclude 2-0.

Al 59' arriva il terzo gol: lo realizza Robinho appena dentro all'area di rigore, dopo un ottimo spunto di Ramires. Due soli minuti più tardi ci sarebbe l'occasione per il poker, ma Dani Alves calcia fuori dalla distanza.

Il Cile tenta di segnare almeno il gol della bandiera, sfiorandolo al 65' con Jorge Valdivia, che controlla bene il pallone al limite dell'area brasiliana e calcia poco sopra la traversa. Il legno lo colpisce al 78' Humberto Suazo sugli sviluppi di un corner. Il Brasile controlla gli ultimi tentativi avversari senza problemi e si assicura la qualificazione al turno successivo.

Tabellino[modifica]

28 giugno 2010
ore 20:30
Brasile Flag of Brazil.svg 3 – 0 Flag of Chile.svg Cile Ellis Park Stadium, Johannesburg
Spettatori: 54 095
Arbitro: Howard Webb (Inghilterra)
Juan Segnato dopo 34 minuti 34'
Luís Fabiano Segnato dopo 38 minuti 38'
Robinho Segnato dopo 59 minuti 59'
Referto


Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Brasile
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Cile
Flag of Brazil.svg
Brasile:
PT 1 Júlio César
TD 2 Maicon
DC 3 Lúcio (c)
DC 4 Juan
TS 6 Michel Bastos
CC 8 Gilberto Silva
CC 13 Daniel Alves
CC 18 Ramires Ammonito dopo 72 minuti 72'
CO 10 Kaká Ammonito dopo 30 minuti 30' Sostituito dopo 81 minuti 81'
SA 11 Robinho Sostituito dopo 85 minuti 85'
A 9 Luís Fabiano Sostituito dopo 76 minuti 76'
Sostituzioni:
A 21 Nilmar Entra dopo 76 minuti 76'
CC 20 Kléberson Entra dopo 81 minuti 81'
TS 16 Gilberto Entra dopo 85 minuti 85'
Commissario tecnico:
Dunga
BRA-CHI 2010-06-28.svg
Flag of Chile.svg
Cile:
PT 1 Claudio Bravo (c)
TD 4 Mauricio Isla Sostituito dopo 62 minuti 62'
DC 5 Pablo Contreras Sostituito dopo 46 minuti 46'
DC 18 Gonzalo Jara
TS 2 Ismael Fuentes Ammonito dopo 68 minuti 68'
CC 6 Carlos Carmona
CC 8 Arturo Vidal Ammonito dopo 46 minuti 46'
CC 15 Jean Beausejour
SA 7 Alexis Sánchez
SA 11 Mark González Sostituito dopo 46 minuti 46'
A 9 Humberto Suazo
Sostituzioni:
CO 10 Jorge Valdivia Entra dopo 46 minuti 46'
SA 21 Rodrigo Tello Entra dopo 46 minuti 46'
CC 20 Rodrigo Millar Ammonito dopo 80 minuti 80' Entra dopo 62 minuti 62'
Commissario tecnico:
Flag of Argentina.svg Marcelo Bielsa

Man of the Match:
Robinho (Brasile)

Guardalinee:
Darren Cann (Inghilterra)
Mike Mullarkey (Inghilterra)
Quarto uomo:
Martin Hansson (Svezia)
Quinto uomo:
Stefan Wittberg (Svezia)

Fonti[modifica]