Calcio: Øvrebø fallisce ancora, decisivi gli errori in Bayern-Fiorentina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 18 febbraio 2010
Ieri 17 febbraio 2010 l'arbitro norvegese Øvrebø, designato dalla UEFA come direttore di gara del match d'andata degli ottavi di finale di Champions League Bayern Monaco-Fiorentina giocata all'Allianz Arena, si è reso protagonista di alcuni errori decisivi. Øvrebø non ha infatti espulso il tedesco del Bayern Monaco Miroslav Klose per un fallo in ritardo su Vargas e soprattutto la terna da lui diretta non ha rilevato un fuorigioco di 2 metri o poco meno dello stesso Klose nell'azione che ha portato al secondo gol del Bayern Monaco, poi vincitore per 2-1.

L'arbitro, quasi quarantaquattrenne, era già stato bocciato dalla FIFA durante gli Europei di Austria-Svizzera del 2008 per un gol annullato al centavanti Luca Toni durante Italia-Romania della fase a gironi; è stato poi bocciato dalla Uefa per un'espulsione ingiusta a Nicolás Burdisso durante Inter-Manchester United (ottavi di Champions 08-09). L'ultimo episodio, i due rigori non dati al Chelsea durante la semifinale di ritorno della Champions dell'anno passato tra i londinesi e il Barcellona, decisioni che, dopo l'eliminazione dei Blues, suscitò la rabbia di Didier Drogba che fu poi squalificato.

Fonti[modifica]