Calcio: l'Inter batte il Pescara nella prima giornata del campionato 2012-2013

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Pescara, domenica 26 agosto 2012
Comincia subito bene per l'Inter il campionato di Serie A 2012-2013. I nerazzurri di Andrea Stramaccioni battono infatti in trasferta il neopromosso Pescara per 3-0, con reti di Wesley Sneijder, Diego Milito e Philippe Coutinho.

Il Pescara parte bene, al 13' Vladimír Weiss entra in area, Zanetti lo tocca e lo slovacco cade. Per l'arbitro però è simulazione del centrocampista biancazzurro e ammonizione. Dopo pochi minuti, al 17' di gioco, l'Inter passa in vantaggio: passaggio di capitan Zanetti per Milito che mette la palla in mezzo e trova dall'altra parte smarcato Sneijder. Facile per l'olandese segnare di sinistro, il portiere pescarese Perin prova a deviare ma non può nulla per il vantaggio interista. Ai milanesi basta un solo minuto per raddoppiare. Lungo lancio per il nuovo acquisto Antonio Cassano, l'ex milanista controlla ed appoggia al centro dell'area, trovando un liberissimo Milito, che di piatto infila il portiere per il 2-0.

Al 31' la difesa interista sbaglia la tattica del fuorigioco, lasciando un varco per Gianluca Caprari: il giovane attaccante ex Roma prova un diagonale, ma la palla finisce a lato di un soffio. Al 41' il Pescara prova a reagire con Cascione, ma il suo colpo di testa viene provvidenzialmente deviato in calcio d'angolo dal portiere nerazzurro Castellazzi.

Nella ripresa le squadre sono stanche. Il Pescara prova subito a segnare, ma invano, mentre l'Inter preferisce congelare il risultato con un lungo possesso palla. All'81', comunque, il subentrato Philippe Coutinho chiude la partita: un cross basso di Milito trova in area il giovane brasiliano, che di sinistro fa centro. È il 3-0. Negli ultimi minuti il tecnico interista Stramaccioni fa debuttare i giovani Marko Livaja e Alfred Duncan. Alla fine sono ancora gli interisti ad andare vicini al gol: ci provano con insistenza soprattutto Guarín e i due giovani esordienti, che non si accontentano del risultato.

Fonti[modifica]