Calcio Italia campionato nazionale Serie A 2005-2006 7° giornata andata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

15 ottobre 2005
16 ottobre 2005

Campionato italiano di calcio Serie A (7° giornata andata)[modifica]

Per vedere il calendario completo vai alla pagina Speciale Calcio Serie A.

Classifica
Juventus 21
Milan 16
Inter 15
Fiorentina 13
Lazio 13
Palermo 12
Sampdoria 12
Udinese 12
Chievo 11
Livorno 11

 
Empoli 10
Siena 10
Ascoli 9
Roma 8
Reggina 6
Parma 5
Lecce 4
Cagliari 3
Messina 3
Treviso 2

(*) 15 ottobre 2005

Tabellini[modifica]

Juventus-Messina[modifica]

Reti: Del Piero (J) 24' p.t.
Juventus: Abbiati, Pessotto, Thuram, F. Cannavaro, Nedved (Chiellini 31 s.t.), Giannichedda, Emerson, Mutu (Camoranesi 12' s.t.), Del Piero (Trezeguet 37' s.t.), Ibrahimovic. All. Capello.
Messina: Storari, Zoro (Sculli 30' s.t.), Cristante, Rezaei, Aronica, Coppola, Zanchi, Donati, Giampà, D'Agostino (Di Napoli 18' s.t.), Zampagna (Muslimovic 30' s.t.). All. Mutti.
Arbitro: Bergonzi.

Sette partite e sette vittorie per la Juventus, ad una dal record delle stagioni 1930-31 e del 1985-86.
Prevalenza della Juventus nel primo tempo, ma senza alcuna azione particolare fino al 24', quando Del Piero, in pressing su Zoro, gli toglie il pallone, scende verso la porta e senza guardarsi intorno, dribla un difensore e scarica di destro alle spal di Storari.

I tifosi juventini disertano le curve nel primo tempo per protestare contro il decreto Pisanu, contro le televisioni e il rincaro del prezzo dei biglietti delle partite.

Siena-Udinese[modifica]

Reti: Di Michele (U) 26' p.t., Di Michele (U) 31' p.t., Di Michele (U) 1' s.t., Chiesa (S) 8' s.t., Bertotto (U) 22' s.t. autorete
Siena: Mirante, Negro (Bogdani 15' s.t.), Legrottaglie, Portanova, Alberto, D'Aversa, Tudor, Falsini, Locatelli (Paro 37' s.t.), Chiesa, Marazzina (Nanni 22' s.t.). All. De Canio.
Udinese: De Sanctis, Bertotto, Sensini, Felipe, Zenoni, Vidigal, Obodo, Muntari, Mauri (Pinzi 13' s.t.), Di Michele (Juarez 45' s.t.), Iaquinta. All. Cosmi.
Arbitro: Tagliavento.

L'Udinese domina il primo tempo, si porta sul 3-0 e quindi si complica la vita, quando Chiesa riapre la partita con la sua rete.
Al 26 del primo tempo, Mauri ruba palla a centrocampo, avanza per quaranta metri e serve Di Michele che segna sul primo palo. Di Michele crossa per Iaquinta, il suo tiro viene respinto da Mirante, Di Michela interviene e fa il bis.
Il secondo tempo inizia con il terzo gol di Di Michele. Il Siena si risveglia con il gol di Chiesa (8' s.t.), quindi riduce ulteriormente il distacco con Bertotto che calcia nella propria rete (22').

Con il gol di oggi Chiesa si porta a quota 133, raggiungendo in testa Montella nella classifica dei goleador ancora in attività.

Ascoli-Sampdoria[modifica]

Reti: Tosto (A) 45' p.t., Bonazzoli (S) 8' s.t., Tosto (A) 33' s.t.
Ascoli: Coppola, Comotto, Cudini, Domizzi, Tosto, Foggia (Ferrante 34' s.t.), Guana, Parola, Fini (Del Grosso 25' s.t.), Bjelanovic, Quagliarella (Cariello 15' s.t.). All. Silva-Giampaolo.
Sampdoria: Antonioli, Zenoni (Borriello 34' s.t.), Castellini, Falcone, Pisano (Kutuzov 26' s.t.), Gasbarroni (Diana 14' s.t.), Volpi, Palombo, Tonetto, Bonazzoli, Flachi. All. Novellino.
Arbitro: Saccani.

L'Ascoli passa in vantaggio alla fine del primo tempo, quando Tosto dira di destro dal limite e la palla si infila in rete, con una leggera deviazione di Zenoni (45').
Nei primi minuti della ripresa il pareggio della Sampdoria è di Bonazzoli che tocca in rete un cross Gasbarroni (8'). L'Ascoli vince la partita con un calcio di punizione di Tosto al 34'.

Al termine della partita un incidente nella curva degli ospiti blucerchiati. Un razzo, sparato dalla curva opposta ascolana, attraverso tutto il campo e cade nel settore ospiti. Un adonna rimane colpita da una scheggia e le provoca un trauma cranico, con lesioni ed emorragia epidurale. I colpevoli del lancio sono già stati individuati.

Cagliari-Milan[modifica]

Reti: Gilardino (M) 1' p.t., Shevchenko (M) 27' p.t.
Cagliari: Carini, Lopez (Pisano 21' s.t.), Canini, Bega, Agostino, Conticchio (Langella 31' s.t.), Abeijon (Cossu 31' s.t.), Budel, Gobbi, Esposito, Suazo. All. Ballardini. Milan: Dida, Stam, Costacurta, Maldini, Serginho, Gattuso, Vogel, Seedorf, Rui Costa (Kakà 22' s.t.), Shevchenko (Inzaghi 37' s.t.), Gilardino (Jankulowski 33' s.t.). All. Ancelotti.
Arbitro: Messina.

27 secondi e il Milan è in vantaggio grazie a Gilardino, al pasticcio difensivo cagliaritano e alla deviazione fortuita di Bega. Gobbi lancia per Esposito e Serginho, nel tentativo di liberare, rischia l'autorete (15'). Dida neutralizza un tiro di Esposito, su passaggio di Budel (19'). Al 27' il raddoppio di Shevchenko, con un tiro da venti metri non irresistibile, ma che sorprende Carini, che tocca ma senza impedire la rete.
Nel secondo tempo un rimpallo in area favorisce Kakà, ma stavolta Carini si salva di piede (24').

Empoli-Roma[modifica]

Reti: Tavano (E) 14' s.t.
Empoli: Berti, Lucchini, Coda, Pratali, Bonetto, Buscé, Ficini, Almiron, Vannucchi (Serafini 16' s.t.), Tavano (Raggi 31' s.t.), Riganò (Moro 28' p.t.). All. Somma.
Roma: Curci, Panucci (Alvarez 36' s.t.), Kuffour, Mexez (Montella 1' s.t.), Chivu (Bovo 8' s.t.), De Rossi, Dacourt, Mancini, Totti, Taddei, Nonda. All. Spalletti.
Arbitro: Pieri.

Inter-Livorno[modifica]

Reti: Materazzi (I) 11' p.t., Cruz (I) 19' p.t., Cambiasso (I) 4' s.t., Cordoba (I) 6' s.t., Recoba (I) 16' s.t.
Inter: Toldo, Cordoba (Figo 23' s.t.), Materazzi (Burdisso 18' s.t.), Samuel, Favalli, Ze Maria, Veron, Cambiasso, Solari, Cruz, Recoba (Wome 28' s.t.). All. Mancini.
Livorno: Amelia, Grandoni, Vargas, Galante, Cesar Prates, Morrone, De Ascentis, Coco, Lazetic (Palladino 1' s.t.), G. Colucci (Pfertzel 5' s.t.), Bakayoko (Passoni 20' s.t.). All. Donadoni.
Arbitro: Rodomonti.

Vittoria per cinque a zero dell'Inter mentre infuria la tempesta. I fenomeni meteorologici non c'entrano, ma il malcontento nello spogliatoio si. Alcuni giocatori di spicco dell'Inter si sono lamentati delle troppe libertà concesse ad Adriano, che non è rientrato in tempo dal Brasile.
Il primo tempo comincia con un tiro in corsa di Solari che cotringe Amelia alla respinta (9'). Due minuti dopo Materazzi mette in rete, dopo che il pallone gli è arrivato tra i piedi su conclusione di Veron (11'). Raddoppio di Cruz che interviene di sinistro su un cross di Recoba che buca la difesa livornese schierata. A fine tempo la prima e unica occasione del Livrono, quando Toldo si salva in due tempi su tiro di Bakayoko (41').
Inizia il secondo tempo e Coco si fa espellere per un fallo da dietro su Ze Maria, lanciato a rete (2'). Terzo gol di Cambiasso: tiro di sinistro angolato e rasoterra (4'). Il tempo di mettere la palla al centro ed arriva il quarto gol in spaccata di Cordoba, su assist di testa di Materazzi (6'). Al 16' il quinto e ultimo gol che pone termine alla partita: Recoba fa tutto da solo, si sposta dal centro a sinistra e lasciara partire un diagonale che supera Amelia.

Lazio-Fiorentina[modifica]

Reti: Zauri (L) 37' s.t.
Lazio: Peruzzi, Oddo, Stendardo, Cribari, Zauri, Behrami, Dabo, Liverani, Cesar (Manfredini 24' s.t.), Di Canio (Pandev 14' s.t.), Rocchi (S. Inzaghi 35' s.t.). All. D. Rossi.
Fiorentina: Frey, Ujfalusi, Di Loreto, Gamberini (Dainelli 38' s.t.), Pancaro, Fiore, Brocchi, Donadel, Pasqual (Bojinov 30' s.t.), Toni, Pazzini (Jorgensen 1' s.t.). All. Spalletti.
Arbitro: Rizzoli.

Palermo-Chievo[modifica]

Reti: Corini (P) 14' p.t. rig., Amauri (C) 18' p.t., Amauri (C) 39' p.t. rig., Caracciolo (P) 47' s.t.
Palermo: Santoni, Zaccardo, Biava, Terlizzi, Grosso, Santana, Corini, Barone (Mutarelli 32' s.t.), Bonanni (Brienza 1' s.t.), Caracciolo, Makinwa (Pepe 1' s.t.). All. Del Neri.
Chievo: Fontana, Moro, Mandelli, D'Anna, Lanna, Semioli (Luciano 45' s.t.), Sammarco, Giunti, Franceschini, Amauri, Obinna (Pellissier 32' s.t.). All. Pillon.
Arbitro: Rocchi.

Parma-Treviso[modifica]

Reti: Simplico (P) 34' p.t., Fava (T) 22' s.t.
Parma: Bucci, Cardone, Couto, Contini, P. Cannavaro (Marchionni 27' s.t.), Cigarini (Bresciano 19' s.t.), Simplicio, Grella, Pasquale, Corradi, Dedic. All. Beretta.
Treviso: Zancopè, Galeoto, Dellafiore, Viali, Cottafava, Dossena (Giuliatto 40' s.t.), A, Filippini (Reginaldo 15' s.t.), Gallo, Parravicini, Pinga, Fava (Beghetto 37' s.t.). All. E. Rossi.
Arbitro: Giannoccaro.

Reggina-Lecce[modifica]

Reti: Tedesco (R) 14' p.t., Cozza (R) 7' s.t.
Reggina: Pavarini, Cannarsa, De Rosa, Lucarelli, Mesto, Biondini (Rigoni 26' s.t.), Tedesco, Modesto, Cozza (Missiroli 23' s.t.), Vigiani, Cavalli (Amoruso 33' s.t.).
Lecce: Sicignano, Cassetti, Diamoutene, Stovini, Abruzzese (Rullo 18' s.t.), Marianini, Ledesma, Konan, Valdes (Pellè 10' s.t.), Pinardi, Vucinic (Angelo 14' s.t.). All. Baldini.
Arbitro: Trefoloni.