Cancellato il Rally della Nuova Zelanda 2020

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 7 giugno 2020

Dopo la notizia della cancellazione ufficiale del Rally di Finlandia 2020 arrivata a inizio settimana, oggi l'organizzazione del Word Rally Championship ha annunciato che anche il Rally della Nuova Zelanda non sarà parte della stagione 2020. La tappa australe del campionato mondiale di Rally è la quarta ad essere stata cancellata, assieme alle tappe in Portogallo, Kenya e la già citata Finlandia, come conseguenza della pandemia di COVID-19.

Le cause principali della cancellazione sono dovute alla chiusura dei confini (la Nuova Zelanda ha chiuso i propri confini quasi immediatamente dopo aver registrato i primi casi ed è riuscita a contenere la pandemia, contando soltanto 1 504 casi e 22 decessi, a fronte di una popolazione di quasi 5 milioni) e i tempi ristretti per l'organizzazione del rally previsto dal 3 al 6 settembre. Il CEO del Rally della Nuova Zelanda, Michael Goldstein, ha dichiarato:

[EN]
« It became clear that with our borders closed to international travel and the logistics required to host thousands of international visitors as part of the World Rally Championship, that the September 2020 date was not practical. [...] We are disappointed to not host the World Rally Championship in 2020 but at the same time the issues around the world put this into context.  »
[IT]
« È diventato ovvio che, con i nostri confini chiusi ai viaggi internazionale e la logistica necessaria per ospitare migliaia di visitatori internazionali come parte dei World Rally Championship, la date di settembre 2020 non erano ottimali. [...] Siamo delusi nel non poter ospitare il World Rally Championship nel 2020, ma allo stesso tempo i problemi del mondo danno l'idea del perché.  »

Yves Matton, direttore della sezione rally della FIA, ha dichiarato:

[EN]
« We were all excited to see New Zealand reclaim its place in the FIA World Rally Championship in 2020 after a seven year absence and we are naturally sad that we will not be able to go there this year.  »
[IT]
« Eravamo eccitati nel vedere la Nuova Zelanda reclamare il proprio posto nel FIA World Rally Championship nel 2020 dopo sette anni di assenza e naturalmente siamo tristi nel non vederlo correre quest'anno.  »

La stagione 2020 del WRC è andata in pausa dopo il 17º Rally Guanajuato México, corso tra il 13 e il 15 marzo e interrotto prematuramente proprio a causa delle misure di lockdown dei vari paesi di residenza di organizzatori e piloti. In seguito, l'organizzazione ha annunciato la cancellazione di 4 tappe e il rinvio di due gare: il Rally di Argentina (che si sarebbe dovuto svolgere tra il 23 e il 26 aprile nei pressi di Villa Carlos Paz) e il Rally Italia Sardegna (previsto per il 4-7 giugno ad Alghero). Sul calendario rimangono fissate ancora quattro tappe: Turchia (24-27 settembre a Marmaris), Germania (15-18 ottobre), Gran Bretagna (29 ottobre-1º novembre) e Giappone (19-22 novembre).

Fonti[modifica]