Cesare Battisti arrestato in Bolivia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

13 gennaio 2019

Cesare Battisti (repertorio)

Cesare Battisti è stato arrestato alle 17 di sabato 12 gennaio (le 22 in Italia) a Santa Cruz de la Sierra in Bolivia da una squadra speciale dell'Interpol.

L'ex terrorista aveva abbandonato il Brasile nel dicembre 2018, dopo che il presidente brasiliano Michel Temer gli aveva revocato lo status di residente permanente e aveva dato l’ordine di estradizione. La Corte Suprema del Brasile ne aveva ordinato l’arresto al fine di consentire una possibile estradizione in Italia. Battisti era stato condannato all’ergastolo dalla magistratura italiana per aver commesso quattro omicidi negli anni settanta, durante gli anni di piombo.

In seguito alla notizia dell'arresto di Battisti, il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha annunciato di aver inviato un aereo in Bolivia per prenderlo immediatamente in consegna. In un comunicato del Quirinale, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso la sua soddisfazione per l'arresto: "Mattarella si augura che Battisti venga prontamente consegnato alla giustizia italiana, affinché sconti la pena per i gravi crimini di cui si è macchiato in Italia e che lo stesso avvenga per tutti i latitanti fuggiti all’estero."

Fonti[modifica]