Champions League 2013-2014: Real batte Juventus 2-1. Poker di Ibrahimović all'Anderlecht

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 24 ottobre 2013

Il 23 ottobre sono stati disputati gli ultimi otto incontri validi per la terza giornata della fase a gironi della Champions League.

Le partite hanno interessato i gironi A, B, C e D.

Nel primo girone il Manchester United batte la Real Sociedad e il Bayer Leverkusen travolge lo Shakhtar Donetsk.

All'Old Trafford i Red Devils passano dopo 2': Evra ruba palla, serve Rooney che disorienta due avversari e tira sull'angolo più lontano, colpendo il palo interno. La sfera rimbalza sul terreno di gioco e Martínez anticipa Hernández mettendo il pallone nella propria porta. Al 43' una punizione bel calciata da Griezmann colpisce il palo. Nella seconda frazione di gioco de la Bella colpisce un altro legno per la Real Sociedad. Gli inglesi hanno l'occasione del 2-0 con Young ma la sua conclusione si ferma sul palo.

A Leverkusen il Bayer trova il vantaggio al 22' con Kießling che, su un cross dalla destra di Donati, colpisce di testa battendo P″jatov. Nella ripresa i tedeschi dilagano. Al 50' Rolfes trasforma un rigore e 7' più tardi c'è gloria anche per Sam che sigla il 3-0. Al 72' pasticcio di P″jatov che controlla un cross basso per poi farsi sfuggire la sfera: Kiessling è rapido ad avventarsi sul pallone, sottraendolo al portiere ucraino, e segnando a porta vuota il 4-0 finale.

Nel girone B si registrano le vittorie interne di Real Madrid, 2-1 contro la Juventus, e del Galatasaray che vince per 3-1 contro il Copenhagen.

Al 4' i Blancos si portano sull'1-0: Di María innesca Cristiano Ronaldo che salta Buffon e deposita la sfera nella porta sguarnita. Al 22' la società italiana trova il pari: Cáceres crossa sul secondo palo, Pogba colpisce verso la porta e Casillas para, ma sulla sua respinta corta Llorente ribatte in rete. Il pareggio dura pochi minuti perché al 29' Ronaldo realizza un rigore portando il Real Madrid sul 2-1. Al 48' Chiellini viene espulso, lasciando i bianconeri in dieci per quasi tutta la seconda metà di gara. Il Real sfiora il 3-1 con Benzema che, servito da Arbeloa tira alto a porta vuota. La Juventus si ritrova al terzo posto del girone con 2 punti in 3 partite mentre il Real viaggia a punteggio pieno.

Il Galatasaray mette a segno il vantaggio al 10': Drogba si porta sulla parte destra del fondo campo avversario e, aiutato da Nounkeu, riesce a superare Braaten e Jørgensen, la sfera arriva a Nounkeu che controlla e crossa al centro dell'area dove si inserisce Melo che colpendo di testa realizza l'1-0. Al 38' i giallorossi raddoppiano: Eboué serve Sneijder che batte Wiland con un tiro sul secondo palo. Sul finire del primo tempo Bruma serve con un filtrante Eboué che arriva davanti a Wiland e serve Drogba che deve solo appoggiare la sfera in rete per firmare il 3-0. All'88 Claudemir mette a segno il gol della bandiera per i danesi.

Nel terzo raggruppamento Benfica-Olympiakos termina in parità mentre il PSG sconfigge nettamente l'Anderlecht in Belgio.

A Lisbona gli ospiti trovano lo 0-1 al 29': Mitroglou serve di tacco Domínguez che entra in area, finta il tiro mandando a vuoto Garay e sigla il vantaggio battendo Artur. I padroni di casa pareggiano sugli sviluppi di un corner: Roberto sbaglia l'uscita e la sfera arriva a Cardozo che evita l'intervento in scivolata di un avversario e segna con un pallonetto da brevissima distanza.

Il PSG ottiene un'agevole vittoria contro l'Anderlecht: al 17' Ibrahimović segna l'1-0 servito da destra da Van der Wiel che piazza un perfetto assist rasoterra. Azione fotocopia al 22': Van der Wiel serve dalla destra e sulla sfera arriva per primo Ibrahimović che batte Kaminski con un colpo di tacco. Al 36' Kouyaté respinge di testa un cross del PSG da sinistra e sul pallone arriva nuovamente Ibrahimović che, da 25 metri, trova il gol della giornata con un tiro di collo pieno che s'infila nell'angolo alto alla destra di Kaminski, tuffatosi in netto ritardo. Nella ripresa i belgi affondano: al 52' Mbemba scivola nei pressi della propria area regalando involontariamente la sfera a Matuidi, quest'ultimo serve Cavani e l'uruguaiano firma il 4-0. A meno di 30' dalla fine Ibrahimović sigla anche il 5-0 con un tiro che conclude la sua corsa sul secondo palo interno e quindi in rete.

Il raggruppamento D vede il facile successo del Bayern Monaco sul Viktoria Plzeň e la vittoria in rimonta del Manchester City a Mosca.

Il CSKA passa in vantaggio al 32': Honda serve di testa Tošić e il serbo supera Hart con un pallonetto. La reazione dei Citizens non si fa attendere ed è affidata ad Agüero: l'argentino segna l'1-1 al 34' su assist di Silva superando Ignašević e battendo Akinfeev. Al 42' Negredo crossa verso Agüero che si libera dalla marcatura e va a colpire di testa siglando il 2-1. Nei minuti di recupero del secondo tempo Honda ha l'opportunità per pareggiare l'incontro ma, nonostante fosse presso l'area piccola, riesce a tirare contro Hart.

A Monaco di Baviera il Bayern supera i cechi del Viktoria Pilsen. Ribéry sblocca la partita realizzando un penalty al 25'. Al 37' Alaba raddoppia battendo Kozáčik da posizione centrale. Nella ripresa i bavaresi trovano il 3-0 con un'azione personale di Ribéry, che salta due avversari e beffa il portiere con un tocco sotto. Tre minuti più tardi Schweinsteiger segna il 4-0 calciando a rete dopo aver saltato due difensori in area. Nei minuti di recupero Götze firma il 5-0 finale.

Cristiano Ronaldo con 7 marcature è il capocannoniere del torneo.

Fonti[modifica]

  • «Matches»UEFA.com, 23 ottobre 2013