Dalai Lama: Tibet condannato a morte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 2 novembre 2008
"Questa antica nazione e la sua eredità culturale stanno morendo" ha denunciato il leader spirituale tibetano da Tokyo. Il Dalai Lama, Premio Nobel per la pace, oggi ha affermato che "i tibetani sono condannati a morte. Questa antica nazione e la sua eredità culturale stanno morendo... Oggi la situazione assomiglia a una occupazione militare di tutto il territorio. È come se fossimo sotto la legge marziale. La paura, il terrore e le campagne di rieducazione politica causano molte sofferenze".

Alcuni giorni fa il Dalai Lama ha detto di essere stanco dei negoziati con Pechino, per il loro continuo silenzio agli appelli e ai tentativi di dialogo.

Sua Santità il XIV Dalai Lama ha indetto una sessione speciale del parlamento tibetano in esilio per il 17 novembre a Dharamsala, per discutere la futura strategia da adottare insieme a tutte le correnti della comunità tibetana. Il leader spirituale del Tibet, svolgerà un ruolo da "semi-pensionato", come lui stesso afferma.

Questa sessione straordinaria deve essere messa in relazione con le critiche delle frange degli esiliati che contestano il suo approccio moderato.

Fonti[modifica]