Donna di 28 anni accoltellata dall'ex compagno a Copertino

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Copertino, venerdì 2 novembre 2018

Un arco della città

Una donna di 28 anni, Anna Gatto, di Copertino, è stata accoltellata lunedì verso le 13:15, nel centro storico, dall'ex compagno, Luca Politi, di 3 anni più grande, per motivi di gelosia: l'aggressione è avvenuta davanti all'abitazione dove vivevano precedentemente; la donna è stata ricoverata nel locale ospedale con tre ferite all'addome, all'altezza del fegato, ed è stata operata per tre ore dall'equipe del dottor Donato De Giorgi, direttore del reparto di Chirurgia, per riparare i danni provocati dal fendente.

L'uomo è stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi e trasferito in carcere, mentre l'arma è stata recuperata sull'armadio della camera da letto della casa dove viveva la coppia fino a qualche giorno prima; la donna era stata attirata lì da una telefonata di Politi, che gli chiedeva di chiarire la situazione, il quale gli ha chiesto poi di portare il loro figlio di 10 anni, che viveva con la madre da quando la coppia si era separata, dai nonni ed infine, una volta che il bambino non era più presente, ha afferrato la donna al collo e le ha inferto 3 coltellate.

Gatto, accasciatasi al suolo, è stata soccorsa da due giovani, che l'hanno portata in ospedale ed avvertito i militari; la donna aveva già denunciato l'uomo prima a dicembre 2017 e poi a febbraio 2018 rispettivamente per minacce e lesioni personali mentre Politi, come riferisce Daniel Viva, il suo legale, l'aveva denunciata perché aveva lasciato solo in casa il figlio senza motivo.

Nonostante le scuse chieste dall'uomo sia nella lettera al figlio trovata in casa che durante la confessione resa agli inquirenti, l'arresto è stato convalidato dal GIP due giorni dopo, mentre la donna non è più in pericolo di vita ma ha dovuto subire trasfusioni e martedì era ancora ricoverata nel reparto di Chirurgia dello stesso ospedale dove è stata operata.

Fonti[modifica]