Due terzi della Crimea senza energia elettrica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 23 marzo 2014

Penisola di Crimea vista dal satellite

L'energia elettrica è venuta a mancare verso le 20:00 ora locale (19:00 ore italiane) ed era impossibile conoscere le cause dell'incidente poiché i telefoni dei servizi di emergenza erano fuori uso.

Più tardi, la società energetica Krymenerho ha comunicato che la mancanza è da attribuirsi ad un grave guasto sulla linea ad alta tensione. Senza energia sono rimasti Kerč, Čornomors'ke, Staryj Krym, Jalta, Alušta, Simeïz e Mischor. Parzialmente colpiti sono Bachčysaraj, Saky, Eupatoria e i distretti di Nyžnohirs'kyj, Saky, Čornomors'ke, Bachčysaraj e quello di Simferopol'. Secondo la compagnia l'incidente ha colpito due terzi della penisola e si promette di ristabilire la situazione entro la mattina del 24 marzo.

Il vice primo ministro della neonata Repubblica di Crimea Rustam Temirgalijev, invece, ha detto che l'episodio è conseguente al taglio dell'Ucraina dell'energia elettrica verso Crimea e riguarda solo un terzo della penisola.

Fonti[modifica]