Economia: l'euro cresce ancora sul dollaro

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 24 settembre 2007

Ancora un record nei confronti del dollaro per l'euro, che da alcune settimane macina record su record al cambio con la divisa statunitense. Durante le contrattazioni odierne, il cambio massimo è stato di 1,4130 $, dopo il precedente record intorno a 1,4100 $.

L'euro, indebolitosi leggermente dopo aver superato il record, è ancora scambiato su quotazioni molto alte. Il dollaro, inoltre, è sempre più debole anche a rapporto con lo yen giapponese e con la sterlina.

La Federal Reserve, i quali precedenti interventi hanno provocato l'ascesa del super-euro, sta pensando di tagliare ancora di mezzo punto, con due interventi uno a ottobre e l'altro a dicembre, il costo del denaro, portandolo così dal 6,25 % iniziale, prima della crisi dei mutui subprime, al 5,25% previsto proprio per la fine dell'anno, in modo da rilanciare l'economia statunitense.

Nel frattempo, sono numerose le voci che richiedono alla Banca Centrale Europea di abbassare anche essa di 25 punti base il costo del denaro, per riequilibrare la situazione, ma per ora è una scelta che l'organismo di controllo europeo non intende portare avanti. Nei prossimi tempi, comunque, le varie banche centrali dovranno concordare una scelta comune e ponderata a seconda di come l'economia si comporterà con l'ascesa dell'euro e il crollo del dollaro, che ora viene valutato intorno a 71 centesimi, con la valutazione più bassa di sempre da otto anni a questa parte.


Fonti[modifica]