Egitto, il governo blocca cellulari e internet

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 29 gennaio 2011

I manifestanti per le strade di Giza

Proseguono in Egitto le manifestazioni di protesta contro il presidente Hosni Mubarak. Di fronte al dissenso della popolazione e agli scontri nelle piazze, l'esecutivo ha risposto rendendo inaccessibili le chiamate via cellulare e impedendo la connessione ad internet.

Da venerdì 28 gennaio i quattro maggiori provider del paese, Link Egypt, Vodafone/Raya, Telecom Egypt e Etisalat Misr, hanno interrotto le loro funzioni in base agli ordini del governo, bloccando prima l'accesso a Twitter, Facebook e Google, e poi a tutti i siti web. La stessa sorte è infine toccata alle comunicazioni telefoniche e al servizio sms.

Nei mesi scorsi la rete ha assistito al blocco di WikiLeaks e al controllo governativo cinese di molti domini, ma questa è la prima volta che una nazione arriva a bloccare interamente il web, lo stesso luogo virtuale su cui viaggiavano le proteste della popolazione.

Fonti[modifica]