Eroina: sequestrati 270 kg di droga nel porto di Genova

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 10 novembre 2018

Eroina di alta qualità
Porto di Genova

Alla fine di una lunga indagine la Polizia, collaborata dal personale dell'Agenzia delle Dogane e con l’ausilio di unità cinofile, è riuscita a scovare e sequestrare la più ingente quantità di eroina degli ultimi 30 anni: 270 chili di sostanza stupefacente, occultati all'interno di alcuni container nel porto di Genova e provenienti dall'Iran.

L'indagine, coordinata dalla DDA, è scaturita dallo scambio di informazioni tra la Direzione centrale per i servizi antidroga e il Servizio centrale operativo. L'eroina ha un valore di circa 10 milioni di euro, ma sul mercato frutterebbe di più. Una volta sequestrata la droga, la Polizia ha organizzato ed eseguito, per la prima volta, la consegna controllata dell'eroina fuori dall'Italia con l'ordine investigativo europeo: si lascia solo una parte del carico del Tir, per poi essere seguito dagli investigatori fino alla destinazione. Nell'operazione sono state coinvolte le forze dell'ordine e le autorità giudiziarie di Svizzera, Francia, Belgio e Olanda, dove l'operazione si è conclusa con l'arresto di due persone.

Sandro Baldassarre, colonnello della Direzione centrale del servizio antidroga, illustrando il maxi sequestro di droga nel porto di Genova, ha dichiarato che l'Iran si conferma un crocevia fondamentale per questo tipo di traffico. Questa operazione è importante per la quantità di droga sequestrata e per il metodo investigativo usato.

Il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, ha affermato che è la prima volta in cui è stato utilizzato uno strumento investigativo a livello europeo, istituito nel luglio scorso, che si basa su un collegamento tra i vari Paesi.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]