Vai al contenuto

Eruzione vulcanica sottomarina nelle Tonga: tsunami e pioggia di cenere

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

domenica 16 gennaio 2022

La mattina del 15 gennaio 2022 il vulcano sottomarino Hunga Tonga è entrato in eruzione. Il pennacchio di fumo è stato visto dallo spazio, la terra ha tremato e il boato è stato sentito nelle Fiji, a più di 800 chilometri di distanza.

Eruzione del Hunga Tonga eruption il 15 gennaio 2022 vista dal satellite GOES-17.

Il vulcano Hunga Tonga (chiamato Hunga Haʻapai nella lingua locale) si trova su un'isola disabitata dell'arcipelago delle Tonga, a circa 65 km dalla capitale Nukuʻalofa. L'eruzione ha causato l'allarme della popolazione, che si è rifugiata nell'entroterra delle isole. Il re delle Tonga, Tupou VI, si è anch'egli rifugiato lontano dalla costa.

Subito è scattato l'allarme tsunami in tutta l'area del Pacifico, dal Cile alle coste statunitensi, alla Nuova Zelanda. In Giappone, l'Agenzia meteorologica ha diffuso un'allerta tsunami nelle isole meridionali di Amami e la catena di isole Tokara, nella prefettura di Kagoshima, dove le onde hanno superato 1 metro nel distretto di Kominato alle 23:55 della notte di sabato. Nelle Tonga, a Nukuʻalofa, sono state registrate onde anomale di 1,2 metri, che si sono spinte per centinaia di metri sulla costa, entrando nelle abitazioni. In California, quindi a più di 8 000 km di distanza, le onde hanno raggiunto l'altezza di 45 centimetri.

La mattina di domenica, alle 5 ora italiana, la minaccia dello tsunami legata all'eruzione vulcanica <<è considerata superata ormai>>, dice Centro di allerta tsunami del Pacifico.

Fonti[modifica]