Fiorello si scaglia contro i politici: «O risolvono l'emergenza rifiuti, o non andremo al voto»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 18 febbraio 2008

Fiorello a Viva Radio 2

Il noto comico Fiorello, nel corso della puntata odierna del suo Viva Radio 2, ha attaccato duramente i politici, e la gestione della grave emergenza rifiuti in Campania, e, rivolgendosi direttamente ai cittadini, ha detto: «Quando vi arriva il certificato elettorale strappatelo e buttatelo per strada. I politici devono fare qualcosa di concreto già prima delle elezioni, e non promettere e basta chiedendo voti. Invece di chiedere devono dare. Se non risolvono il problema dei rifiuti a Napoli, non votate» ha detto il mattatore, che si è scatenato anche su altri temi di stretta attualità.

Nel mirino di Fiorello è finita anche la giustizia; infatti, il coautore del programma radiofonico in onda sulle frequenze RAI ha duramente criticato la gestione della giustizia: «È ora di finirla, non se ne può più di vedere gente che commette reati e non passa neanche un giorno in prigione perché si inventano patteggiamenti della pena, riti abbreviati e buona condotta. Se uno sbaglia deve pagare. Vogliamo la certezza della pena».

Steccata finale sempre sulla classe politica, accusata di non fare abbastanza per migliorare la condizione dei cittadini: «Risolvere i problemi ai cittadini non è mestiere nostro ma dei politici. Loro però non fanno niente quindi prendiamo in mano noi la situazione».

Il duro attacco di Fiorello, però, è stato generalizzato e non diretto a particolari esponenti politici, «perché siamo vicini alle elezioni, in clima di par condicio» ha detto Claudio Cappon, direttore generale della TV di stato, che, presente alla trasmissione, ha voluto precisare che lo spettacolo, nell'edizione di quest'anno, non sarà censurato: «'Viva Radio2' andrà avanti senza censure».

Fonti[modifica]