Formula Uno: Gran Premio di Cina 2010. Doppietta McLaren

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 18 aprile 2010

Jenson Button, vincitore del Gran Premio di Cina e campione del mondo in carica

Jenson Button vince il Gran Premio di Cina davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton e a Nico Rosberg.

Gara bagnata sin dalla partenza, quando Fernando Alonso passa in testa, ma la sua partenza è anticipata: è quindi costretto a un drive-trough. Durante il primo giro Vitantonio Liuzzi sbaglia una frenata, andando a centrare Sébastien Buemi e Kamui Kobayashi: per questo incidente la safety car entra in pista. Intanto molti piloti decidono di passare dalle gomme da asciutto a quelle da bagnato. Però la scelta non paga e sono costretti pochi giri dopo a tornare alle gomme da asciutto. Ne approfittano i piloti rimasti in pista, quali Nico Rosberg, passato in testa, e Button.

Al 20º giro Rosberg fa un fuoripista, a causa della pioggia aumentata di intensità, lasciando il comando della gara a Button. Poco dopo Jaime Alguersuari perde un pezzo dell'ala anteriore che resta in pista, costringendo la safety car ad entrare nuovamente in pista. Intanto i piloti sono costretti a passare alle gomme intermedie. Al 39º giro la pioggia è ancora più forte e vengono montate le gomme da bagnato estremo. Button mantiene il comando fino alla fine e vince la gara, ottenendo con Hamilton una grande doppietta. Rosberg, terzo, precede Alonso, Robert Kubica, Sebastian Vettel solo sesto, Vitalij Petrov, Mark Webber, Felipe Massa e Michael Schumacher.

A fine gara i commissari hanno deciso di non penalizzare Hamilton e Vettel per il loro duello in corsia box, ricevendo solo un richiamo verbale: nel dettaglio, Hamilton ha superato Vettel nella corsia d'ingresso ai box; alla ripartenza dal pit stop Vettel stringe sulla destra Hamilton, costringendolo ad alzare il piede e a restare dietro.

Button passa in testa al mondiale a quota 60 punti, con 10 punti di vantaggio su Rosberg e 11 su Alonso e Hamilton; Massa, che prima del Gran Premio era in testa al mondiale, precipita in 6ª posizione a quota 41 punti. La McLaren passa in testa alla classifica costruttori a quota 109 punti, con 19 punti di vantaggio sulla Ferrari e 36 sulla Red Bull.

Fonti[modifica]