GP2 Series, Gran Premio del Belgio: vittoria per Grosjean

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 6 settembre 2008

Romain Grosjean si aggiudica la Gara1 del Gran Premio del Belgio davanti ad Alvaro Parente e ad Andreas Zuber.

Giornata amara invece per i protagonisti in lotta per il titolo Bruno Senna e Giorgio Pantano: il brasiliano della iSport International è scattato dalla Pole e si è difeso molto bene per alcuni giri per poi rischiare un serio incidente nella Pit Lane, dopo la sosta, con la Durango di Alberto Valerio, il quale stava sopravanzando. A seguito di ciò, Senna verrà penalizzato con un Drive Through (attraversamento della Pit Lane con il limitatore attivato) e rientrerà in gara all'ultimo posto a pochi decimi dal penultimo. Riuscirà a recuperare qualche posizione anche grazie all'incidente occorso a Giorgio Pantano: il leader del mondiale di GP2 Anno 2008, dopo che Senna era rientrato per la penalità, si trovava al comando della gara quando in regime di Safety Car rallenta (per motivi non ovvi) e si ritrova in 10° posizione e all'inizio dell'ultima tornata, nei pressi della curva La Source, sbanda, perde il controllo della monoposto e urta Lucas Di Grassi compromettendo la gara di quest'ultimo e anche la sua, visto che a seguito di ciò si accoderà al gruppo in ultima posizione.
"Non si può buttare via un'altra gara così - ha detto il pilota padovano ai microfoni di Sky Sport riferendosi anche a Gara1 di Valencia - sono già due volte che succede qualcosa che non deve succedere... Prima la benzina e ora le gomme!".

Da segnalare anche l'incidente capitato a Davide Valsecchi della Durango: durante il 9° giro è uscito di pista alla curva Stavelot che immette nel T3. Probabilmente la causa di tutto ciò sono le gomme e i freni i quali han fatto perdere l'aderenza al pilota italiano che per fortuna è uscito illeso dallo scontro ma sarà comunque posto sott'osservazione medica nel più vicino ospedale.

Ai 10 punti conquistati per la vittoria, per Grosjean si aggiunge anche quello per il giro più veloce fatto registrare in 1:59.529.

Fonti[modifica]