Già dieci morti in Germania per un'epidemia da Escherichia coli

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

domenica 29 maggio 2011

Sono morte già 10 persone in Germania per un'epidemia dovuta ad un batterio che provoca una grave tossinfezione alimentare. Infezione che in una percentuale di circa il 10% dei colpiti provoca una grave sindrome clinica conosciuta come Sindrome emolitico-uremica, spesso causa di mortalità o di gravi invalidità (dialisi).

Il batterio coinvolto è l'Escherichia coli nel sierotipo O157: H7 clinicamente classificato come EHEC; questo produce la tossina V O157, che determina un'alterazione della omeostasi coagulatoria dell'organismo che comporta la formazione di trombi nei capillari specie nel rene con conseguente grave insufficienza dello stesso.

L'epidemia sembra essere dovuta alla contaminazione batterica di cetrioli biologici importati dalla Spagna; contaminazione dovuta al contatto degli stessi con le feci di ruminanti (bovini), che sono naturalmente portatori sani del batterio. Non è chiaro dove sia avvenuta la contaminazione, non essendo la Spagna affetta dall'epidemia in corso, mentre sono colpite le regioni del Nord della Germania, ed anche la Svezia con 25 casi di tossinfezione, 7 casi in Danimarca, 3 in Francia e GB, 2 in Austria e 1 in Olanda.[1][2]

Secondo alcune fonti potrebbe essere, questa epidemia, la più grave mai apparsa al mondo, anche più importante rispetto quella che negli USA nel 1982 fu dovuta ad una contaminazione di carne di hamburger di una catena di Fast Food, episodio nel quale furono coinvolte 732 persone con 4 morti.[3][4]

In Italia sono stati attivati tutti i controlli previsti in questi casi ma ad oggi non vi sono casi coinvolti nell'infezione.[5]

Presso il Policlinico Universitario di Amburgo-Eppendorf viene studiato un interessante farmaco biologico: l'eculizumab che pare agisca rapidamente.[6]

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]

Note[modifica]

  1. ECDC – Risk assessment E.Coli, fonte cit.
  2. ANSA – Batterio killer, casi sospetti in Europa, fonte cit.
  3. Eric Schlosser, Fast food nation. Il lato oscuro del cheeseburger, Il Saggiatore, 225–. 9788856500288 URL consultato il 29-05-2011.
  4. Razzaq, S. (Sep 2006). Hemolytic uremic syndrome: an emerging health risk.. Am Fam Physician 74 (6): 991-6  (in inglese). PMID 17002034.
  5. la Repubblica – Cetrioli contaminati, l'allarme dell'Ue..., fonte cit.
  6. [DE] Neue Therapie gegen EHEC-Infektionen. URL consultato il 29-05-2011.