Giochi olimpici 2012: scatta l'inchiesta sui posti vacanti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Londra, domenica 29 luglio 2012

Per Londra 2012 era stato annunciato il "tutto esaurito", che tutti i biglietti erano stati venduti a tempo di record nonostante non fossero accessibili a tutti visto il costo; persino le madri degli atleti coinvolti si erano lamentate perché per esse non c'era l'opportunità di un posto in vista della cerimonia d'apertura.

In realtà, guardando le gare già alla prima giornata dei Giochi, si può notare come molti posti siano risultati non occupati, quindi ci si chiede che fine abbiano fatto i titolari dei vari biglietti. Alcuni di questi posti erano riservati a vip, sponsor, politici e persone accreditate in generale.

Alla luce di ciò, Jeremy Hunt, il ministro della cultura e dello sport, e il Locog, il comitato organizzatore dei Giochi, hanno avviato un'indagine per capirci di più. Inoltre Scotland Yard ha aperto un'inchiesta sul mercato nero di biglietti, il "bagarinaggio", dopo la visione di un video in cui tre funzionari addetti alla biglietteria olimpica vendevano i tagliandi a un prezzo dieci volte superiore a quello ufficiale.

Nel frattempo per ricorrere ai ripari si sta studiando una soluzione alternativa, ad esempio omaggiando studenti, professori e militari.

Fonti[modifica]