Giochi olimpici 2016: Usain Bolt fa incetta di medaglie

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 20 agosto 2016

Usain Bolt con al collo l'ultima medaglia vinta a Rio de Janeiro

Con la finale della staffetta 4x100 maschile il giamaicano Usain Bolt vince col sorriso la propria nona medaglia olimpica consecutiva, correndo in 37,27 s e quindi mettendo a segno uno storico 3x3 di medaglie d'oro. Bolt infatti ha fatto incetta di medaglie nelle gare di 100 metri, 200 metri e staffetta 4x100 metri dei Giochi olimpici di Pechino 2008, Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016. Alla fine della staffetta dice: «Sono il più grande». Medaglia d'argento per i 37,60 s del Giappone e di bronzo per i 37,64 s del Canada; squalificati gli USA per un passaggio non regolare del testimone.

Ovviamente oltre alle medaglie è notevole il fatto che Bolt abbia spesso fissato nuovi record, durante e fuori ai Giochi, in tutti e tre tipi di competizione.

Attualmente lui detiene i seguenti record mondiali:

  • 9,58 s nei 100 metri piani (2009);
  • 19,19 s nei 200 metri piani (2009);
  • 36,84 s nella staffetta 4x100 metri, insieme agli altri tre staffettisti Nesta Carter, Michael Frater e Yohan Blake (2012).

Mentre i record olimpici attualmente sono:

  • 9,63 s nei 100 metri piani (2012);
  • 19,30 s nei 200 metri piani (2008).

La superiorità di Bolt è stata particolarmente visibile in questi Giochi olimpici, dove ha sempre vinto senza raggiungere il suo vero limite: dalle batterie preliminari alle finali ha sempre traguardato senza eccessivi sforzi e spesso col sorriso in volto, in particolare nella gara dei 100 metri.

Il giamaicano più premiato di sempre ha infine dichiarato di voler smettere con le competizioni olimpiche, e di non desiderare più di gareggiare nei 200 metri.


Olympic rings without rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[modifica]